Gobekli Tepe: rara Geometria nascosta nel primo tempio dell'umanità.

La complessità geometrica di Göbekli Tepe, il tempio più antico del mondo, è una sorpresa per gli scienziati e anche un grande mistero: come può una società neolotica costruire qualcosa del genere? Da quando è stato scoperto dal professore tedesco Klaus Schmidt nel 1994, la sua costruzione è stata attribuita a popolazioni di cacciatori-raccoglitori di 11500 anni fa, anche 6500 anni prima delle grandi piramidi d’Egitto.

Ma la disposizione dei suoi pilastri e la sua decorazione indicano che doveva provenire da una civiltà complessa, qualcosa che gli scienziati non credevano fosse possibile in quel momento. Quindi chi l’ha costruito? Come? Ora gli scienziati israeliani hanno trovato un indizio che potrebbe rivelare alcune delle incognite che Göbekli Tepe nasconde.

Göbekli Tepe è un sito archeologico costituito da una serie di monumenti megalitici circolari e rettangolari disposti a forma di recinti situati nella provincia di Sanliurfa nella Turchia sud-occidentale,

È stata una delle scoperte più importanti sul Neolitico, l’ultimo dei periodi dell’età della pietra ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2018. Le sue stanze, probabilmente utilizzate per l’esecuzione di rituali, hanno alti pilastri alti circa 5,5 metri a forma di T con animali selvatici scolpiti. Fino ad ora, la maggior parte dei ricercatori ha sostenuto che i recinti di Göbekli Tepe nell’area di scavo principale sono stati costruiti nel tempo.

Ma i ricercatori Gil Haklay della Israel Antiquities Authority e il professor Avi Gopher del Dipartimento di Archeologia e antiche civiltà del Vicino Oriente all’Università di Tel Aviv (TAU) non credono che sia così.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
Per Haklay e Gopher, il disegno geometrico delle imponenti strutture rotonde in pietra del sito e l’enorme serie di pilastri in pietra calcarea, furono inizialmente progettati come un’unica struttura.

Gobekli Tepe: rara Geometria nascosta nel primo tempio dell'umanità.

Secondo Haklay e Gopher, la cosa più notevole è che i punti centrali dei tre spazi più importanti di Göbekli Tepe, contrassegnati come allegati B, C e D, sembrano essere collegati geometricamente, in un triangolo equilatero quasi perfetto, qualcosa che i ricercatori suggeriscono che potrebbe significare una relazione gerarchica tra gli spazi.

Gli scienziati hanno raggiunto questa conclusione dopo aver utilizzato un algoritmo informatico per tracciare aspetti dei processi di progettazione architettonica coinvolti nella costruzione di questi involucri.

Mappa dove si trova Gobekli Tepe, il primo tempio dell'umanità.

Göbekli Tepe è una meraviglia archeologica (…) Tuttavia, la sua complessità architettonica è molto insolita”, spiega il professor Gopher in una dichiarazione del TAU, la cui ricerca è stata pubblicata sulla rivista archeologica Cambridge Archaeological Journal.

Ma questa tesi di Haklay e Gopher secondo cui le strutture sarebbero state progettate come un unico progetto e secondo un modello geometrico coerente sarebbe qualcosa di molto avanzato per i cacciatori-raccoglitori del Neolitico. “Questa ricerca apre le porte a nuove interpretazioni di questo sito in generale e della natura dei suoi pilastri antropomorfi megalitici in particolare”, afferma Gopher.

Scoperta Gobekli Tepe: rara Geometria nascosta nel primo tempio dell'umanità.

Tradizionalmente si riteneva che alcune abilità e pratiche di pianificazione, come l’uso della geometria e la formulazione delle planimetrie, fossero emerse molto più tardi del periodo durante il quale fu costruito il Göbekli Tepe. In particolare dopo che i cacciatori-raccoglitori sono diventati produttori agricoli circa 10.500 anni fa. Anche una delle caratteristiche dei primi agricoltori è l’uso dell’architettura rettangolare.

“Questo caso di pianificazione architettonica precoce può servire come esempio della dinamica dei cambiamenti culturali durante le prime parti del periodo neolitico”, afferma il ricercatore Haklay. “La nostra nuova ricerca indica che metodi di pianificazione architettonica, regole di progettazione astratte e modelli organizzativi erano già in uso durante questo periodo”, sottolinea.

Andrea TosiScienzaTopArcheologia,Geometria,Gobekli Tepe,Neolitico,Scoperta,Turchia
La complessità geometrica di Göbekli Tepe, il tempio più antico del mondo, è una sorpresa per gli scienziati e anche un grande mistero: come può una società neolotica costruire qualcosa del genere? Da quando è stato scoperto dal professore tedesco Klaus Schmidt nel 1994, la sua costruzione è stata...