Scoprono strani comportamenti nelle rocce lunari

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che alcune rocce sulla superficie della Luna, ricoperte di polvere estremamente magnetizzata, possiedono proprietà mai viste prima, ha riferito giovedì scorso l’Università di Münster (Germania).

È documentato che la polvere lunare, conosciuta come regolite, si è formata da un bombardamento di micrometeoriti avvenuto sul satellite naturale negli ultimi 4,5 miliardi di anni. Questa polvere fine, composta da granuli irregolari simili al vetro smerigliato, è abrasiva, radioattiva e caricata elettrostaticamente.

A differenza della Terra, la Luna non ha un campo magnetico, ma presenta piuttosto campi magnetici localmente forti, chiamati anomalie magnetiche, prodotti da materiale permanentemente magnetizzato nella crosta superiore del satellite stesso.

Precedenti ricerche hanno presentato prove dell’esistenza di anomalie magnetiche nella regione Reiner Gamma.

Tuttavia, non era noto se le rocce trovate lì contenessero proprietà magnetiche. In un nuovo studio, recentemente pubblicato su The Journal of Geophysical Research: Planets, per la prima volta sono state riportate le interazioni tra polvere e rocce in Reiner Gamma.

prove esistenza di anomalie magnetiche sulla luna

Alla scoperta di strane rocce

Gli scienziati sono arrivati ​​a questo risultato dopo aver rilevato alcuni oggetti rocciosi, larghi un metro, che riflettevano la luce solare in modo diverso, a causa della polvere che li ricopriva. Nella ricerca, un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale (AI) è stato utilizzato per analizzare circa un milione di immagini della superficie lunare ottenute dalla sonda Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA. Nello specifico, è stato revisionato il 50% delle 130 mila rocce individuate dall’IA.

“Abbiamo riconosciuto una roccia con zone scure distintive in un’unica immagine”, ha detto lo scienziato Ottaviano Rüsch, aggiungendo che “era molto diversa da tutte le altre, poiché diffondeva meno luce verso il Sole rispetto ad altre rocce”. “Sospettiamo che ciò sia dovuto alla particolare struttura della polvere, come la densità e la dimensione dei grani”, ha affermato.

Da parte sua, Marcel Hess dell’Università Tecnica di Dortmund ha dichiarato: “Normalmente, la polvere lunare è molto porosa e riflette molta luce nella direzione dell’illuminazione. Tuttavia, quando la polvere è compattata, la luminosità complessiva di solito aumenta. “Questo non è il caso delle rocce coperte di polvere osservate”.

Gli specialisti hanno descritto la scoperta come “affascinante” e hanno commentato di non conoscere ancora le caratteristiche della polvere e le sue interazioni con le rocce. Effettueranno però nuovi esperimenti per approfondire la conoscenza dei processi coinvolti nel fenomeno, nonché della struttura della polvere.

Andrea TosiScienzaTopAstrofisica,Luna,Polvere lunare,Spazio News,Spazio UFO
Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che alcune rocce sulla superficie della Luna, ricoperte di polvere estremamente magnetizzata, possiedono proprietà mai viste prima, ha riferito giovedì scorso l'Università di Münster (Germania). È documentato che la polvere lunare, conosciuta come regolite, si è formata da un bombardamento di micrometeoriti avvenuto...