scoperto vero nucleo interno terra

Il nucleo della Terra sembra comportarsi in modi straordinari e tiene gli scienziati con il fiato sospeso. La grande massa di metallo fuso è responsabile del fatto che abbiamo un campo magnetico e, di sicuro, questo a sua volta ha portato alla formazione dell’atmosfera che ci tiene al sicuro dagli elementi dello spazio. Ma nonostante il nucleo sia stato una parte importante dello sviluppo del pianeta, c’è ancora molto di sconosciuto su di esso e ora gli scienziati credono di aver trovato il vero nucleo della Terra.

Una nuova indagine sulle viscere della Terra condotta dai sismologi Thanh-Son Phạm e Hrvoje Tkalčić dell’Australian National University suggerisce la presenza di un nucleo interno sconosciuto all’interno del nucleo interno già noto. Questo potrebbe rivelare la natura della Terra e rispondere ad alcune domande su come è arrivata ad essere come la conosciamo oggi.

Come funziona il nucleo della Terra?

La Terra è molto più complessa di quanto sembri, ha una struttura a strati convessi che lavorano dinamicamente tra loro e hanno creato le condizioni necessarie per lo sviluppo della vita.

Al centro c’è il nucleo terrestre, che a sua volta è diviso in un nucleo interno ed esterno. Il primo è il pezzo più denso dell’intero puzzle, è un globo che rappresenta meno dell’1% del volume del pianeta ed è costituito da ferro e nichel solidi, fusi in un pezzo estremamente duro e pesante a una temperatura esacerbata.

1fIDwnD

Ma quando il nucleo si espande verso l’esterno, il processo di solidificazione rilascia calore e luce che guidano la convezione nel nucleo esterno simile a un liquido. Pertanto, questo nucleo esterno è il motore che converte l’energia cinetica del movimento della Terra in energia magnetica per generare uno scudo che ci copre dallo spazio. Cioè, il metallo liquido del nucleo esterno ruota secondo la rotazione della Terra e genera una sorta di dinamo, responsabile sia del campo magnetico che dell’atmosfera.

Il nucleo interno più interno

Gli scienziati hanno osservato onde rimbalzanti che viaggiano fino a cinque volte il diametro della Terra e, misurando i tempi di percorrenza differenziali di queste, sono stati in grado di dimostrare l’esistenza di un nucleo interno interno (IMIC, per il suo acronimo in inglese) quasi 650 chilometri di diametro. Hanno raccolto informazioni su queste onde sismiche riverberanti che attraversano il centro stesso della Terra dalla loro registrazione da parte di un numero enorme di stazioni sismiche globali.

Onde di rimbalzo

Sondare il centro della Terra è fondamentale per comprendere la formazione e l’evoluzione planetaria. Tuttavia, le deduzioni geofisiche sono state difficili a causa della mancanza di sonde sismiche che raggiungono il centro della Terra, affermano gli scienziati. “Per quanto ne sappiamo, finora nella letteratura sismologica non sono stati riportati riverberi di più di due passaggi”, hanno affermato i due autori della ricerca, Thanh-Son Phạm e Hrvoje Tkalcic. Hanno aggiunto che questa tecnica fornisce “strumenti per vincolare le proprietà IMIC perché campionano l’IMIC in un modo senza precedenti”.

Fino ad ora, l’opinione scientifica prevalente è che la Terra sia costituita da uno strato esterno, chiamato “mantello“, che circonda il nucleo esterno, che è uno strato di metallo liquido spesso circa 2.000 km, che a sua volta circonda la Terra. nucleo interno in metallo solido, che misura circa 1.200 km di raggio. L’esistenza di un nucleo più interno, all’interno del nucleo interno, era stata ipotizzata per anni, ma mai provata prima fino a questo nuovo studio.

AKV6VOF

Le onde che viaggiano attraverso questa regione più interna della Terra hanno firme diverse rispetto al nucleo interno esterno (OIC), suggerendo che l’IMIC abbia una struttura diversa rispetto al suo guscio. Gli autori ritengono che l’IMIC “potrebbe essere una registrazione fossilizzata di un importante evento globale del passato”. “Ora disponiamo di prove sismologiche sufficienti da diverse linee di ricerca per l’esistenza degli IMIC”, hanno concluso. “Gli sforzi futuri dovrebbero essere diretti a caratterizzare la transizione IMIC-OIC (la sua profondità e natura)”.

L’importanza dello studio

“Il nucleo interno della Terra (IC), che costituisce meno dell’1% del volume della Terra, è una capsula del tempo della storia del nostro pianeta”, hanno detto Phạm e Tkalcic nello studio. “Man mano che l’IC cresce, il calore latente e gli elementi di luce rilasciati dal processo di solidificazione guidano la convezione del nucleo esterno liquido, che, a sua volta, mantiene la geodinamo [meccanismo che genera il campo magnetico terrestre]”.

“Sebbene il campo geomagnetico possa aver preceduto la nascita dell’IC, i cambiamenti rilevabili nelle strutture dell’IC con la profondità potrebbero significare cambiamenti nel funzionamento del campo geomagnetico, che potrebbero aver influenzato profondamente l’evoluzione della Terra e del suo ecosistema”, hanno indicato i geologi nel loro articolo. “Pertanto, sondare la parte più interna dell’IC è essenziale per svelare ulteriormente la capsula del tempo e comprendere l’evoluzione della Terra nel lontano passato”, hanno sottolineato.

Andrea TosiScienzaTopGeologia,Nucleo terrestre,scoperta scientifica,Sismologia,Terra,Terremoti,Terremoto
Il nucleo della Terra sembra comportarsi in modi straordinari e tiene gli scienziati con il fiato sospeso. La grande massa di metallo fuso è responsabile del fatto che abbiamo un campo magnetico e, di sicuro, questo a sua volta ha portato alla formazione dell'atmosfera che ci tiene al sicuro...