Test nucleari passati cambiarono modelli di pioggia di tutto il pianeta.

Una serie di test sulle armi nucleari condotti nel bel mezzo della corsa agli armamenti della Guerra Fredda avrebbe potuto avere un profondo impatto sui modelli meteorologici in tutto il pianeta, aumentando il livello delle precipitazioni atmosferiche a migliaia di chilometri dai siti di detonazione.

Ssecondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Physical Review Letters, utilizzando documenti storici di una struttura di ricerca in Scozia, un team di scienziati britannici ha confrontato i cambiamenti quotidiani della carica elettrica che scorre attraverso le nuvole dopo il “rilascio di radioattività artificiale” scatenato da esplosioni nucleari, al fine di determinare come i test delle bombe atomiche hanno influenzato i modelli di pioggia.

Gli investigatori hanno valutato i dati raccolti tra il 1962 e il 1964, all’epoca della crisi dei missili cubani, durante la quale gli Stati Uniti e l’ex Unione Sovietica hanno effettuato centinaia di test nucleari.

Il team ha scoperto che nei giorni con la più alta radioattività, le precipitazioni sono aumentate in media del 24% e le nuvole “si sono ispessite otticamente”.

“Studiando la radioattività rilasciata dai test sulle armi della guerra fredda, gli scienziati all’epoca hanno appreso i modelli di circolazione atmosferica. Ora abbiamo riutilizzato questi dati per esaminare l’effetto sulla pioggia”, ha spiegato Giles Harrison, autore principale del studio e professore di fisica dell’atmosfera presso l’Università di Reading (Regno Unito).

Secondo lo scienziato, “l’atmosfera politicamente carica della guerra fredda ha portato a una corsa agli armamenti nucleari e all’ansia globale”. Ma decenni dopo, “quella nuvola globale ha contribuito a un rivestimento d’argento, fornendoci un modo unico per studiare come le cariche elettriche influenzano le precipitazioni”, ha aggiunto Harrison.

Gli esperti hanno scoperto che, sebbene in gran parte limitato alle aree remote del mondo, come deserti e isole disabitate, esplosioni di bombe nucleari hanno ionizzato l’atmosfera e generato una carica elettrica che potrebbe alterare gli schemi meteorologici a migliaia di chilometri dai siti di prova.

Secondo i dati dell’Associazione per il controllo degli armamenti, fin dal primo test riuscito, condotto dagli Stati Uniti nell’estate del 1945, circa 2058 bombe nucleari sono state fatte esplodere in tutto il pianeta, compresi i due dispositivi statunitensi lanciati sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki durante la seconda guerra mondiale. Mentre la maggior parte dei test sono stati condotti sottoterra, tra il 1945 e il 2017 sono stati condotti oltre 500 test atmosferici.

Andrea TosiScienzaTopArmi nucleari,Bomba Atomica,Esplosione Nucleare,Guerra Fredda,Meteorologia,Nucleare,Radioattività,Stati Uniti,URSS
Una serie di test sulle armi nucleari condotti nel bel mezzo della corsa agli armamenti della Guerra Fredda avrebbe potuto avere un profondo impatto sui modelli meteorologici in tutto il pianeta, aumentando il livello delle precipitazioni atmosferiche a migliaia di chilometri dai siti di detonazione. Ssecondo un nuovo studio pubblicato...