Simulazione Guerra Nucleare USA-Russia: 34 milioni di morti in poche ore.

Una guerra nucleare è una minaccia latente e, secondo gli esperti, riferire sulla catastrofe globale che potrebbe causare può impedire che si avveri.

Pertanto, un gruppo di esperti in sicurezza nucleare e armi all’Università di Princeton negli Stati Uniti ha creato una simulazione chiamata “Piano A“, che mostra la devastazione che provocherebbe un conflitto nucleare tra gli Stati Uniti e la Russia.

I loro calcoli sono spaventosi. Nel giro di poche ore ci sarebbero 34 milioni di morti e oltre 57 milioni di feriti.

“Il rischio di una guerra nucleare è aumentato drammaticamente negli ultimi due anni quando gli Stati Uniti e la Russia hanno abbandonato i trattati sul controllo delle armi nucleari“, hanno detto i creatori della simulazione nel blog del programma Global Science and Security di Università di Princeton.

“Hanno iniziato a sviluppare nuovi tipi di armi nucleari e hanno ampliato le circostanze in cui potevano usare quelle armi”, avvertono. In quel contesto, dicono, la loro motivazione con questo video è di attirare l’attenzione sulle “conseguenze potenzialmente catastrofiche degli attuali piani di guerra nucleare degli Stati Uniti e della Russia”.

Diversi esperti che non sono stati coinvolti in questa ricerca, concordano sul fatto che sebbene questi tipi di esercitazioni accademiche mostrino risultati agghiaccianti, possono essere utili per convincere i poteri a non raggiungere uno scontro nucleare.

Ma in cosa consiste il video di Princeton e come è l’immagine preoccupante che proietta in caso di guerra nucleare?

Milioni di vittime in poche ore.

La guerra immaginaria che illustra il video inizia con il tentativo della Russia di impedire un progresso degli Stati Uniti e dei membri della NATO (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico). Per fare questo, i russi lanciano un missile nucleare “di avvertimento”, oltre il confine condiviso da Germania, Polonia e Repubblica Ceca. Con quell’attacco il conflitto si ridimensiona rapidamente.

La Russia invia aerei con un totale di 300 testate nucleari e lancia missili a corto raggio contro le basi e le truppe della NATO in Europa. La NATO, d’altra parte, risponde con aerei che viaggiano in Russia, carichi di 180 testate nucleari. In sole 3 ore, ci sarebbero oltre 2,6 milioni di vittime.

Prima della distruzione dell’Europa, gli Stati Uniti iniziano un attacco con 600 testate nucleari che lancia dal suo territorio e dai sottomarini diretti contro la Russia. La Russia risponde con missili che sparano da strutture sotterranee, camion e sottomarini. Lo scambio dura circa 45 minuti e lascia 3,4 milioni di vittime.

A questo punto, l’obiettivo di ciascuno è impedire al nemico di avere la possibilità di riprendersi, quindi ogni parte schiera attacchi contro le 30 città più popolose di ognuna. Ogni bombardamento usa tra 5 e 10 testate nucleari, a seconda delle dimensioni della città. Il risultato è 85,3 milioni di vittime in 45 minuti.

Pertanto, in meno di 5 ore, ci sarebbero 91,5 milioni di vittime. Ciò include 34,1 milioni di morti immediate e 57,4 milioni di feriti. Queste cifre, avvertono i ricercatori, aumenterebbero “in modo significativo” se si prendessero in considerazione le morti a lungo termine causate da scorie radioattive nell’aria.

Andrea TosiScienzaTopArmi nucleari,Catastrofi,Guerra Nucleare,Princeton,Russia,Simulazione,Stati Uniti
Una guerra nucleare è una minaccia latente e, secondo gli esperti, riferire sulla catastrofe globale che potrebbe causare può impedire che si avveri.Pertanto, un gruppo di esperti in sicurezza nucleare e armi all'Università di Princeton negli Stati Uniti ha creato una simulazione chiamata 'Piano A', che mostra la devastazione...