Alzheimer e demenza senile, non sono la stessa cosa.

Quando osserviamo che i nostri adulti più anziani iniziano con perdite di memoria, per quanto minime, è tempo di iniziare con studi e trattamenti adeguati per un qualche tipo di demenza. Gli esperti affermano che, sfortunatamente, le persone con questo tipo di problemi vengono trattate quando hanno sofferto di disturbi della memoria per quattro o cinque anni, che la famiglia ha visto arrivare ma che non hanno agito in tempo. Solo quando accadono cose serie, come perdersi per strada, dimenticare il tuo nome o ignorare i familiari, è quando presti attenzione a loro.

L’importanza della depressione nelle malattie neurologiche.

È stato dimostrato che la depressione cronica porta a un problema di demenza. Il paziente che soffre, anni dopo, avrà un deficit cognitivo che può portare a una demenza significativa. A questo punto, il neurochirurgo menziona gli antidepressivi, di cui esistono molti miti.

I neuroscienziati hanno rilevato che con alcuni antidepressivi viene stimolata la neurogenesi, ovvero la popolazione di nuovi neuroni e cellule staminali. La popolazione generale ha paura degli antidepressivi, perché ci sono molti miti su di loro, perché si pensa che siano cattivi o che creano dipendenza. Tuttavia, non è così. In effetti, alcuni antidepressivi hanno funzioni molto specifiche e sono utili per il paziente. Oltre a sbarazzarsi di uno stato depressivo, si prevede che il paziente non si stia dirigendo verso la demenza.

Gli esperti sottolineano anche l’importanza di saper distinguere tutti i tipi di demenza, come l’Alzheimer.

La malattia di Alzheimer è una malattia degenerativa, una variante della demenza; vale a dire il deterioramento cognitivo di un paziente, la perdita di conoscenze precedentemente apprese e quella di nuove conoscenze corroboranti. Il sistema nervoso centrale è l’asse di tutto il corpo, per che, se non va bene, tutto può essere compensato.

La malattia di Alzheimer si manifesta principalmente negli adulti di età superiore ai 60 anni. All’inizio di questa malattia, il paziente si distingue perché inizia, gradualmente, con alterazioni, perdita di coscienza o dimenticando cose semplici. Alcuni esempi, aggiunge, potrebbero essere quelli di dimenticare di chiudere la stufa, chiudere la porta di casa, tirare il gabinetto, perdere spesso chiavi o soldi, portafogli, bicchieri e così via.

Quando la malattia sta già progredendo, il paziente inizia a perdere cose più significative: dimentica dove ha lasciato un certo documento, ad esempio, o l’indirizzo di un parente, cosa ha mangiato un giorno o una settimana prima o cosa ha fatto un mese o due mesi prima.

Certamente, non è una questione di età, ma, correttamente, l’Alzheimer si verifica negli adulti più anziani, sia uomini che donne, e si stima che il 5% della popolazione abbia questo problema. Sebbene non sia ereditaria, la storia viene presa in considerazione, poiché è stato visto che una percentuale di pazienti con Alzheimer ha una storia familiare. Questo non significa che i discendenti di qualcuno che soffre di Alzheimer lo svilupperanno, no, ma occorre riconoscere una percentuale minore che sì è associata. E’ importante sapere come distinguere tutti i tipi di demenza.

La demenza senile

La demenza senile e il morbo di Alzheimer non sono la stessa cosa, perché esistono diversi tipi di demenza. Ce ne sono alcuni che sono vascolari perché si verificano con più infarti cerebrali, ad esempio altri sono metabolici e si verificano in pazienti con patologie epatiche o renali, e ci sono anche sostanze che avvelenano il sangue e generano demenze.

In questo senso, il cervello, man mano che avanza nell’età, diventa più piccolo e che la diminuzione delle dimensioni, quel deterioramento, è parte di ciò che chiamiamo demenza senile, perché le abilità si perdono nel tempo, per alcuni pazienti succede più di altri … Quella demenza senile si presenta con la naturalezza dell’evoluzione del tempo.

Il morbo di Alzheimer

L’Alzheimer è prodotto, in termini generali, dall’accumulo di una proteina chiamata tau: si riduce il numero di neuroni e porta già l’ordine per loro di degenerare e produrre quella proteina.

Si pensava da tempo che il numero di neuroni con cui siamo nati fosse l’unico che avevamo da una vita. Tuttavia, assicura che nuovi neuroni appaiano nel nostro cervello chiamati cellule totipotenziali e quando studiamo, acquisendo abilità, come i mestieri, ci sono cellule totipotenziali o cellule staminali che si trasformano in neuroni e queste stabiliscono più connessioni, in modo che si acquisisce una rete che migliora le nostre funzioni cognitive.

Andrea TosiSaluteTechAlzheimer,Anziani,Cervello,Demenza senile,Depressione,Memoria,Neurogenesi,Neuroscienza
Quando osserviamo che i nostri adulti più anziani iniziano con perdite di memoria, per quanto minime, è tempo di iniziare con studi e trattamenti adeguati per un qualche tipo di demenza. Gli esperti affermano che, sfortunatamente, le persone con questo tipo di problemi vengono trattate quando hanno sofferto di...