Mistero nel Pacifico: disperso riappare dopo 13 mesi.

MAJURO – Il nuovo “Ulisse”? Jose Salvador Albarengo, 37 anni, professione pescatore. Tredici mesi in mare, senza punti di riferimento nell’Oceano Pacifico. Partito dalla costa occidentale del Messico, nel dicembre 2012, è stato soccorso nei pressi di un atollo delle Isole Marshall, a 12 mila chilometri di distanza dal porto dove era salpato con la sua barca.

Viene sottoposto ad attento monitoraggio medico, tuttavia le sue condizioni vengono giudicate discrete in relazione agli stenti e le privazioni subite durante la sua permanenza forzata in balia delle onde, con la sua imbarcazione in avaria.

Una storia incredibile, che accende i riflettori di tutti i mass media internazionali, con troupe e giornalisti che si sono precipitati alle Isole Marshall.

Del pesce, uccelli e tartarughe il suo pasto abituale in questi mesi, il naufrago di origine salvadoregna ha affermato di aver bevuto sangue delle tartarughe in mancanza di acqua piovana. Il suo compagno di viaggio, Ezequiel Córdova, un ragazzo che lo accompagnava nella caccia allo squalo, non sarebbe sopravvissuto alla malnutrizione.

Il suo ritrovamento è avvenuto il 30 gennaio del 2014.

Dopo la sua esperienza, Alvarenga ha sviluppato insonnia e paura dell’acqua. Nel 2015, ha rilasciato diverse interviste al giornalista Jonathan Franklin, che le ha pubblicate in formato libro con il titolo “438 Days: An Extraordinary True History of Survival at Sea” (438 Giorni: una straordinaria storia di sopravvivenza in mare).

Poco dopo la pubblicazione del libro, la famiglia di Ezequiel Córdova fece causa ad Alvarenga per un milione di dollari, accusandolo di cannibalizzare il parente per sopravvivere. L’avvocato di Alvarenga ha negato l’accusa.

Federica SantoniEsteriTopDisperso,Isole Marshall,Messico,Mistero,Naufrago,Oceano Pacifico,Ulisse
MAJURO - Il nuovo “Ulisse”? Jose Salvador Albarengo, 37 anni, professione pescatore. Tredici mesi in mare, senza punti di riferimento nell’Oceano Pacifico. Partito dalla costa occidentale del Messico, nel dicembre 2012, è stato soccorso nei pressi di un atollo delle Isole Marshall, a 12 mila chilometri di distanza dal porto dove era salpato con la sua barca.Viene sottoposto ad...