Benefici della Vitamina E

La vitamina E è considerata la “vitamina della gioventù” per via delle sue proprietà e dei benefici al fine di ridurre i sintomi del deterioramento che soffriamo con l’avanzare dell’età. Si evidenzia per il suo importante lavoro come antiossidante e per combattere l’immunosoppressione che si verifica nelle ultime fasi della nostra vita.

Che cos’è la Vitamina E?

Si tratta di una sorta di vitamina liposolubile, cioè, si accumula nel tessuto adiposo, in modo che il corpo faccia a lei ricorso se necessario. Infatti, la vitamina E si riferisce ad un gruppo di otto tipi di molecole divisi in due gruppi: tocoferoli e tocotrienoli. Di questi, la forma alfa-tocoferolo è quella che è considerata “vitamina E”, e tende ad accumularsi nel tessuto non-epatico. In particolare dove maggiore è la generazione di radicali liberi, come le membrane dei mitocondri e del reticolo endoplasmatico di cuore e polmoni.

Oltre a fornire una protezione contro i radicali liberi, riducendo il danno ossidativo cellulare, che può influenzare l’integrità dei tessuti che formano il nostro corpo, ci sono molte altre funzioni associate a questa vitamina. Per queste funzioni è coinvolta anche nella riduzione dei sintomi dell’invecchiamento, con conseguente miglioramento dell’aspetto della pelle, e naturalmente, la normale funzione degli organi del corpo. Influenza anche la regolazione della funzione immunitaria, mantenendo l’integrità delle cellule endoteliali e l’equilibrio della coagulazione normale.

Quali sono le proprietà della Vitamina E?

La Vitamina E, nel potersi ossidare all’interno del nostro corpo, agisce come una “guardia del corpo” per altre sostanze, perché agisce come antiossidante: distruggendosi protegge dalla distruzione, per via dell’ossigeno, i grassi polinsaturi e altre sostanze solubili in grassi come la vitamina A.

Ci sono molti benefici della vitamina E, visto che nel corpo questa vitamina esercita numerose funzioni come l’assistenza nella formazione dei globuli rossi nel sangue e aiuta nella regolazione della sintesi dei prostanoidi, che sono composti importanti nei processi di riproduzione. Per questo motivo è stata considerata per molto tempo come la vitamina della fertilità.

Dove si trova la Vitamina E?

Tra le fonti alimentari più importanti che hanno questa vitamina troviamo:

  • Oli vegetali, quali olio di oliva, olio di girasole, o di cartamo
  • Cereali integrali, come l’orzo, germe di grano, o farina d’avena
  • Tuorlo delle uova
  • Frutti come avocado e papaya
  • Latte e burro
  • Fegato
  • Legumi come arachidi, fagioli, o ceci
  • Frutta secca, soprattutto mandorle e noci
  • I semi, come il girasole o di chia
  • Verdure a foglia verde, come spinaci, cavoli, cavoli o bietola
  • Pesce (per lo più azzurro), come il pesce spada o la trota e aringa

Benefici della vitamina E: azione antiossidante

È certamente uno dei più grandi vantaggi che questa vitamina aiuta nel potenziare la nostra salute. Nello specifico, il suo campo d’azione è nel neutralizzare l’effetto dei radicali liberi, che sono molecole instabili, a causa del loro squilibrio atomico e che cercano di recuperare in altre cellule vicine. “Rubano” di fatto elettroni, modificando negativamente il comportamento di detta cellula dalla quale assorbe questi elementi. Incluso potrebbe provocare la morte cellulare. Questa condizione si traduce in una reazione a catena che si estende attraverso i tessuti.

La vitamina E ha un forte effetto antiossidante particolarmente importante nei polmoni, dove le cellule sono esposte a concentrazioni elevate di ossigeno che possono danneggiarle. Oltre a proteggere i globuli rossi che sono i responsabili del trasporto di ossigeno in tutto il corpo, fa così anche con i globuli bianchi, che sono responsabili per la difesa dell’organismo contro alcune malattie, in modo tale che può stimolare il sistema immunitario.

Benefici della vitamina E: L’aspetto della pelle

La vitamina E offre un aiuto molto importante per mantenere lo stato della pelle. Rafforza il rivestimento dei capillari sanguigni della pelle, ottenendo un miglioramento nel supporto del viso all’idratazione promuovendone la sua elasticità. Un altro effetto di rilievo è quello di ridurre l’infiammazione a livello cellulare e trasformando questo lavoro in un aspetto più giovanile della nostra pelle.

La continua esposizione ai raggi ultravioletti del sole e altri agenti esterni, come i fumi (tabacco, inquinamento), sono fattori che causano danni alla pelle, specialmente nella comparsa di macchie e rughe, e anche altri segni come l’acne ed eczema. La vitamina E contribuisce alla rapida rigenerazione dei tessuti dell’epidermide (strato esterno della pelle), producendo una guarigione più efficace dei tessuti danneggiati.

La pelle è il fedele riflesso del tempo che passa. La pelle viene marcata a causa del nostro aspetto (aumento di peso, la gravidanza), smagliature, rughe, cicatrici etc. Tutti questi problemi possono essere migliorati grazie alla vitamina E.

Benefici della vitamina E: capelli rafforzati

La fragilità e la perdita di capelli sono due aspetti molto importanti che di solito prestiamo loro tutta la nostra attenzione, data la loro stretta relazione con il nostro aspetto. In questo caso, l’uso regolare di vitamina E può contribuire a mitigare questi problemi.

Il meccanismo di sostegno principale è come abbiamo visto, ridurre l’effetto dei radicali liberi che causano danni al cuoio capelluto. Mantiene in salute i fonículos visto che viene migliorata la circolazione sanguigna fino a questa zona, stimolando la crescita di capelli più forti e più sani.

Un’altra causa di perdita di capelli è correlata alla produzione eccessiva di olio o squilibrio dei livelli di pH del cuoio capelluto, poiché se questo viene mantenuto secco, le ghiandole sebacee saranno costrette a produrre più olio del necessario, ostruendo i follicoli piliferi. Questo porta ad altri problemi come prurito e forfora, e infine la perdita di capelli.

Benefici della vitamina E: la regolazione ormonale

La vitamina E colpisce anche il sistema endocrino e nervoso, esercitando un’azione modulatoria per regolare l’equilibrio ormonale. Bisogna mettere in evidenza che il normale sviluppo neurale dipende dalla vitamina E.

Tra gli altri effetti, il coinvolgimento di vitamina E e l’equilibrio ormonale si può riflettere in:

  • Sintomi della sindrome mestruale: ridurre il dolore, l’ansia, desiderio di dolce, inoltre aiuta alla sua regolazione
  • L’aumento di peso, ritenzione di liquidi
  • Allergie
  • Cambiamenti della pelle
  • Sensazione di stanchezza
  • Disturbi d’ansia

Ulteriori benefici della vitamina E

Tra gli altri benefici della vitamina E, troviamo il suo coinvolgimento nella produzione di energia, sintesi di acido desossiribonucleico (DNA) e l’acido ribonucleico (RNA). A causa della sua grande capacità di agire come antiossidante, protegge le membrane cellulari dall’ossidazione e si specula anche sui suoi effetti favorevoli contro il cancro o malattie cardiache.

Come spiegato in una recente ricerca scientifica, può essere che un trattamento di vitamina E aiuti a frenare la malattia di Alzheimer.

Carenza di vitamina E

I sintomi di carenza di vitamina E non sono molto evidenti. Inoltre la diagnosi è complicata dal ruolo del minerale selenio nel metabolismo di questa vitamina. Tra i sintomi sospetti di carenza di vitamina E troviamo:

  • Debolezza muscolare
  • Aumento della distruzione delle membrane cellulari
  • Disposizione anormale del grasso nei muscoli
  • Rottura dei globuli rossi nel sangue

Tossicità

Confrontata con altre vitamine solubili, la vitamina E è relativamente poco tossica se ingerita per via orale. Grazie alla sua popolarità come agente della fertilità e la sua azione favorevole sulla presunta potenza sessuale, di solito sono molti che ingeriscono dosi ben al di sopra della dose giornaliera consigliata, senza avere effetti negativi.

Tuttavia, dosi elevate e per lunghi periodi di tempo, possono interferire con l’attività della vitamina K, che potrebbe causare problemi di coagulazione del sangue.

Dosi raccomandate di vitamina E

La RDA (Recommended Daily Allowance) o dose giornaliera consigliata, è di 30 unità internazionali (link). Ma questa dose è insufficiente per persone attive e soprattutto per gli atleti persone.

Gli atleti consumano di solito tra 200 a 500 UI e quando devono fare un recupero da un infortunio, o si allenano ad alta quota, spesso ingeriscono 600 a 1200 UI. Questo perché favorisce il trasporto di ossigeno nel sangue e compensa quindi per la riduzione che esiste nell’aria a quella altezza. Le persone con peso e massa più alti accettano meglio una dose maggiore di vitamina E.

Utilità della vitamina E nello sport

Come in tutte le vitamine, gli studi hanno dimostrato che un adeguato apporto di questa contribuisce al mantenimento di una salute ottimale e quindi favorevole per le prestazioni fisiche. Tuttavia, esitono prove che una dose superiore a quella indicata nel CDR in atleti di fondo o di resistenza, così come coloro che sono costretti a competere a grandi altitudini sul livello del mare, aiuta a migliorare le loro prestazioni.

Di particolare interesse per gli atleti è che questa vitamina ha dimostrato di abbassare il livello di lattato nel sangue e di ridurre la formazione di taluni rifiuti generati durante l’esercizio, oltre a ridurre i danni cellulari causati dall’ossidazione e mantenere il tessuto muscolare sano.

In tempi di recupero da un infortunio o di un intervento chirurgico, così come nello sport in cui è richiesta un forte sforzo muscolare, l’assunzione di vitamina E superiore alla media promuove il recupero e il lavoro muscolare, riducendo allo stesso tempo il dolore muscolare e il danno muscolare.

Andrea TosiSaluteTopAlimentazione,Benessere,Invecchiamento,Nutrizione,Salute,Vitamina E
La vitamina E è considerata la 'vitamina della gioventù' per via delle sue proprietà e dei benefici al fine di ridurre i sintomi del deterioramento che soffriamo con l'avanzare dell'età. Si evidenzia per il suo importante lavoro come antiossidante e per combattere l'immunosoppressione che si verifica nelle ultime fasi...