5 curiosità sui semi di cannabis

Quando si parla del mondo della cannabis, è impossibile non fare riferimento ai suoi semi. Nel momento in cui li si chiama in causa, sono diversi i temi da approfondire. In questo novero, rientrano alcune curiosità che, molto spesso, quando ci si approccia a questo mondo da zero non si conosce. Quali sono? Nelle prossime righe, ne abbiamo selezionate cinque. Cosa aspetti a scoprirle?

Non tutti si possono coltivare

Quando si pensa ai semi di cannabis, tra le prime immagini che vengono in mente rientra l’acquisto di strumenti per la loro coltivazione. Bene, non in tutti i casi si può procedere in questo modo. Forse non tutti sanno che esistono anche i semi di marijuana da collezione. Di cosa si parla quando li si chiama in causa? Di semi sottoposti a una speciale tutela normativa, che non possono né essere coltivati, né germinati. Come mai? Perché il loro scopo primario è quello di preservare alcune genetiche della pianta di particolare pregio (nessuno vieta di acquistarli e in Italia è possibile farlo riferendosi a diversi shop online e negozi fisici).

Non c’è bisogno di spendere una fortuna nelle luci

Guardiamo un attimo al caso dei semi di cannabis che, invece, possono essere coltivati.

Chi si approccia a questo mondo e parte da zero, spesso lo fa con preoccupazione pensando di dover per forza di cose spendere una fortuna in attrezzature per l’illuminazione. Anche in questo caso, esistono delle eccezioni alla regola. Si tratta delle varietà autofiorenti.

Questi semi, selezionati a partire dalla varietà di cannabis nota con il nome di ruderalis, sono infatti non fotoperiodici. Ciò significa che possono crescere – e anche rapidamente – senza essere dipendenti dal ciclo di luce. Un altro vantaggio che li riguarda riguarda la semplicità generale di coltivazione e il fatto di poter ottenere delle piante discrete quanto a dimensioni, indi perfette anche per contesti come i balconi dei condomini.

La temperatura perfetta

Ti sei mai interrogato su quale sia la temperatura perfetta per conservare i semi di cannabis? Parliamo di un range compreso tra i 5 e i 7/8 gradi. A tal proposito, è interessante rammentare che è molto facile gestire questo aspetto. Si tratta infatti della temperatura che, nella maggior parte dei casi, si riscontra a livello della porta del frigorifero.

Non esiste una regola univoca da seguire per le caratteristiche del terriccio

Rimaniamo nel campo della coltivazione specificando che, quando si parla di semi di cannabis, non esistono delle linee guida univoche per quanto riguarda il terriccio. Tutto dipende infatti dalla tipologia di semi che si sceglie per il proprio raccolto. Nel già citato caso degli autofiorenti, il terriccio perfetto è quello caratterizzato da proporzioni che vedono in primo piano tre parti di torba, due di perlite e sempre tre di compost.

Da non dimenticare è anche l’importanza di includerne una di vermiculite. Di cosa si tratta di preciso? Di un minerale di grande rilevanza in ambito industriale. Il nome, oggettivamente curioso, deriva dal termine latino vermiculus, termine che si traduce con “piccolo verme”. Questo appellativo è frutto della forma, affine a quella dell’animale succitato, che il minerale assume quando è riscaldato.

Il mangime per uccelli

Forse non tutti sanno che, quando si parla dei semi di cannabis, si inquadra un’alternativa molto apprezzata come mangime per uccelli. Vengono impiegati sia da chi nutre i volatili per il semplice piacere di farlo, sia in contesti d’allevamento. Ovviamente si tratta di semi specifici per l’alimentazione, diversi – e acquistabili su altri circuiti – rispetto a quelli destinati alla coltivazione.

Particolarmente graditi dagli uccelli granivori – p.e. i canarini – i semi di canapa, a detta di diversi esperti in ornitologia, sarebbero un toccasana nei casi in cui si punta a stimolare l’accoppiamento degli esemplari.

Federica SantoniLifeStyleNatura
Quando si parla del mondo della cannabis, è impossibile non fare riferimento ai suoi semi. Nel momento in cui li si chiama in causa, sono diversi i temi da approfondire. In questo novero, rientrano alcune curiosità che, molto spesso, quando ci si approccia a questo mondo da zero non...