L'Unione Europea censura i media russi Sputnik e RT

L’Unione Europea ha bloccato i media russi Sputnik e RT, precedentemente chiamato Russia Today. Non sono nemmeno raggiungibili su YouTube e Facebook. Proprio in tempo di guerra però sarebbe saggio e importante per i lettori avere la possibilità di consultare più fonti e informazioni possibili. La cultura, la scienza, il giornalismo dovrebbero vivere al di là della politica.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è un grosso errore. È evidente che si vuole far prevalere una sola narrativa tesa a demonizzare una delle parti.

Nel frattempo, la Cina non imporrà sanzioni finanziarie alla Russia. L’annuncio arriva dall’Autorità di regolamentazione bancaria del Paese.”Pechino si oppone alle sanzioni“, ha detto il portavoce Guo. “Non aderiremo e manterremo normali scambi economici, commerciali e finanziari con tutte le parti interessate”. “Disapproviamo le sanzioni finanziarie, in particolare quelle unilaterali, perché non hanno molte basi legali e non avranno buoni effetti”, ha concluso. La Cina è uno dei principali acquirenti di petrolio e gas russi.

Valentina ContiItaliaTopCina,Informazione,Media russi,RT,Russia,Sanzioni,Sputnik,Ucraina
L’Unione Europea ha bloccato i media russi Sputnik e RT, precedentemente chiamato Russia Today. Non sono nemmeno raggiungibili su YouTube e Facebook. Proprio in tempo di guerra però sarebbe saggio e importante per i lettori avere la possibilità di consultare più fonti e informazioni possibili. La cultura, la scienza,...