scoperta cina virus langya layv trasmittibile animali umani

NUOVO VIRUS CINA – Un team di ricercatori cinesi e singaporiani ha scoperto un virus emergente nelle province cinesi di Shandong e Henan. L’agente infettivo è stato trovato in almeno 35 persone associate a malattie febbrili ed è stato chiamato Langya (LayV). L’analisi genomica ha determinato che appartiene al genere henipavirus, che vive negli animali e può essere trasmesso all’uomo.

Nel loro lavoro, i ricercatori riferiscono che gli henipavirus sono emersi come una delle cause importanti delle malattie zoonotiche nella regione dell’Asia-Pacifico. È noto che almeno due virus di questo genere infettano gli esseri umani: il virus Hendra (HeV, segnalato per la prima volta da Hendra, Australia) e il virus Nipah (NiV, segnalato per la prima volta da Nipah, Malesia).

Gli ospiti naturali di entrambi i patogeni sono i pipistrelli della frutta. Entrambi causano gravi malattie negli animali e nell’uomo e sono classificati come virus di livello 4 di biosicurezza, con un alto tasso di mortalità.

Nonostante la sua vicinanza genetica a questi pericolosi virus, nel caso particolare di LayV, finora i casi segnalati in Cina non sono stati mortali o molto gravi. Del totale infetto, 26 non avevano altri agenti patogeni associati. Tutto questo gruppo di pazienti presentava sintomi di febbre, metà soffriva di affaticamento, tosse, anoressia e leucopenia. Almeno il 35% di loro aveva insufficienza epatica e l’8% aveva insufficienza renale.

Nell’indagine sierologica su 25 specie di animali selvatici, lo studio ha rilevato che il toporagno aveva il più alto tasso di sieropositività del 27%, portando gli esperti a presumere che fosse l’ospite naturale del virus. Tra gli animali domestici, cani e capre hanno ottenuto le percentuali più alte di sieropositività con rispettivamente il 5% e il 2%.

Come riportato dal Taipei Times martedì, Chuang Jen-hsiang, vicedirettore generale dei Centri per il controllo delle malattie di Taiwan, ha affermato che non è stato ancora determinato se LayV possa essere trasmesso da persona a persona. Tuttavia, sulla base dell’analisi dei dati epidemiologici dei 35 pazienti febbrili, è stato stabilito che non avevano contatti stretti tra loro o una storia di esposizione comune. Inoltre, il tracciamento dei casi non ha mostrato la trasmissione virale tra contatti stretti e familiari, suggerendo che le infezioni umane potrebbero essere sporadiche.

Il rapporto è stato pubblicato la scorsa settimana sul New England Journal of Medicine (NEJM).

Valentina ContiEsteriTopAnimali selvatici,Cina,Pipistrello,Virus,Virus Cina,Virus Langya
NUOVO VIRUS CINA - Un team di ricercatori cinesi e singaporiani ha scoperto un virus emergente nelle province cinesi di Shandong e Henan. L'agente infettivo è stato trovato in almeno 35 persone associate a malattie febbrili ed è stato chiamato Langya (LayV). L'analisi genomica ha determinato che appartiene al...