Bambino capsula radioattiva tragedia famiglia

Dopo che la capsula radioattiva recentemente scomparsa in Australia è stata ritrovata contro ogni previsione, i Redditor hanno condiviso varie storie su quando le persone non erano così fortunate e hanno avuto incontri con materiali radioattivi.

In un incidente particolarmente doloroso avvenuto a Città del Messico nel 1962, una famiglia rimase esposta per lungo tempo a una sorgente radioattiva e iniziò ad ammalarsi senza sapere perché. Nel marzo 1962, una famiglia si trasferì in una casa a Città del Messico, e all’interno c’era un piccolo contenitore di piombo.

“La fonte è stata data alla famiglia per essere tenuta e monitorata senza che nessuno dei membri della famiglia sapesse esattamente cosa fosse il contenitore e cosa ci fosse dentro”, ha detto un rapporto sugli avvelenamenti da parte dei medici di famiglia.

A un certo punto tra il trasloco e aprile, la sorgente radioattiva è stata rimossa dal contenitore di piombo ed è finita nel cortile. È stato poi ritrovato dal bambino di 10 anni, che si è messo in tasca la capsula radioattiva al cobalto-60 e l’ha portata in casa.

Sua madre ha quindi preso la capsula dalla tasca dei pantaloni e l’ha riposta in un cassetto della cucina. Più tardi quel mese, la madre del sopravvissuto si è trasferita in casa. In quel momento notò per la prima volta lo scolorimento dei bicchieri di cristallo che erano custoditi nell’armadietto dove si trovava la capsula.

L’annerimento degli occhiali è stato descritto in altri rapporti di esposizione alle radiazioni. Per quanto strano possa essere, non ha avvisato nessuno della famiglia di quello che stava succedendo.

Il team ha cercato di determinare le dosi di radiazioni ricevute dalla famiglia, il che non è stato un compito facile mentre entravano e uscivano di casa, e il team ha dovuto tenere conto di cose come la quantità di radiazioni disperse e assorbite dagli oggetti intorno la casa. Utilizzando le informazioni dell’unico sopravvissuto sulla routine della famiglia, il team è stato in grado di stimare l’esposizione.

Il 29 aprile è deceduto il bambino di 10 anni. Successivamente, sua sorella minore di 2 anni ha trascorso più tempo in casa con la famiglia, vicino alla fonte radioattiva. La madre è morta il 19 luglio e alla fine la capsula radioattiva è stata trovata e rimossa dalla casa. Tuttavia, le radiazioni avevano già causato danni e provocato la morte della figlia di 2 anni il 18 agosto, seguita dalla nonna il 15 ottobre.

Il padre, unico sopravvissuto, ha ricevuto circa 990-1.200 dosi di radiazioni assorbite (rad) a causa del tempo trascorso lontano dalla fonte, che era molto inferiore alla dose ricevuta dal bambino (4.700-5.200 rad).

Valentina ContiEsteriTopBambino,Bambino morto,Capsula radioattiva,Messico,Miniera,Radiazioni,Radioattività,Tragedia familiare
Dopo che la capsula radioattiva recentemente scomparsa in Australia è stata ritrovata contro ogni previsione, i Redditor hanno condiviso varie storie su quando le persone non erano così fortunate e hanno avuto incontri con materiali radioattivi. In un incidente particolarmente doloroso avvenuto a Città del Messico nel 1962, una famiglia...