4 Civiltà Aliene ostili potrebbero nascondersi nella Via Lattea [nuovo studio]

La Via Lattea ospita milioni di pianeti potenzialmente abitabili e circa quattro di loro potrebbero ospitare malvagie civiltà aliene che invaderebbero la Terra se potessero, suggerisce una nuova ricerca pubblicata nel database di prestampa arXiv. Il nuovo documento, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, pone una domanda particolare: quali sono le probabilità che gli esseri umani possano un giorno contattare una civiltà aliena ostile in grado di invadere il nostro pianeta?

Per rispondere a questa domanda, l’unico autore dello studio Alberto Caballero – uno studente di dottorato in risoluzione dei conflitti presso l’Università di Vigo in Spagna – ha iniziato guardando indietro alla storia umana prima di guardare le stelle. “Questo articolo tenta di fornire una stima della prevalenza di civiltà extraterrestri ostili attraverso un’estrapolazione della probabilità che noi, come civiltà umana, attaccheremo o invaderemo un esopianeta abitato”, ha scritto Caballero nello studio.

Caballero, che non è un astrofisico, ma ha pubblicato uno studio sul famigerato segnale Wow!, un potenziale segno di vita extraterrestre, nell’International Journal of Astrobiology.

Per raggiungere la sua stima, Caballero ha prima contato il numero di paesi che hanno invaso altri paesi tra il 1915 e il 2022. Ha scoperto che un totale di 51 delle 195 nazioni del mondo avevano lanciato una sorta di invasione durante quel periodo.

Gli Stati Uniti erano in cima alla lista, con 14 invasioni conteggiate in quel periodo. Quindi, ha ponderato la probabilità di ciascun paese di lanciare un’invasione in base alla percentuale di quel paese sulla spesa militare globale. Ancora una volta, gli Stati Uniti sono al primo posto con il 38% della spesa militare globale.

Da lì, Caballero ha aggiunto la probabilità individuale di ogni paese di istigare un’invasione, quindi ha diviso la somma per il numero totale di paesi sulla Terra, finendo con quella che descrive come “l’attuale probabilità umana di invasione di una civiltà extraterrestre”.

Secondo questo modello, le attuali probabilità che gli esseri umani invadano un altro pianeta abitato sono dello 0,028%. Tuttavia, ha scritto Caballero, quella probabilità si riferisce allo stato attuale della civiltà umana e gli esseri umani non sono attualmente in grado di viaggiare interstellare. Se gli attuali tassi di avanzamento tecnologico dovessero durare, i viaggi interstellari non sarebbero possibili per altri 259 anni, ha calcolato Caballero utilizzando la scala Kardashev, un sistema che classifica quanto è avanzata una civiltà in base al suo dispendio energetico.

Supponendo che la frequenza delle invasioni umane continui a diminuire in quel periodo alla stessa velocità con cui le invasioni sono diminuite negli ultimi 50 anni (una media di meno 1,15% all’anno, secondo l’articolo di Caballero), allora la razza umana ha una probabilità dello 0,0014%. di invadere un altro pianeta quando diventeremo potenzialmente una civiltà interstellare, o di tipo 1, tra 259 anni.

Potrebbe sembrare una probabilità molto ridotta, e lo è, finché non inizi a moltiplicarla per i milioni di pianeti potenzialmente abitabili nella Via Lattea. Per il suo calcolo finale, Caballero si è rivolto a un articolo del 2012 pubblicato sulla rivista Mathematical SETI, in cui i ricercatori hanno previsto che fino a 15.785 civiltà aliene potrebbero teoricamente condividere la galassia con gli umani.

Caballero ha concluso che meno di una delle civiltà di Tipo 1 – 0,22, per la precisione – sarebbe ostile nei confronti degli umani che entrano in contatto. Tuttavia, il numero di vicini maliziosi aumenta a 4,42 quando si tiene conto di civiltà che, come gli esseri umani moderni, non sono ancora in grado di viaggiare interstellare, ha detto Caballero a Vice News.

“Non menziono le civiltà 4.42 nel mio articolo perché: 1) non sappiamo se tutte le civiltà della galassia sono come noi… e 2) una civiltà come noi probabilmente non rappresenterebbe una minaccia per un’altra poiché non ‘non hanno la tecnologia per viaggiare sul loro pianeta”, ha detto Caballero a Vice.

Quattro poteri alieni ostili non sembrano molto di cui preoccuparsi. Inoltre, la probabilità che gli esseri umani possano contattare una di queste civiltà maligne – e poi essere invasi da esse – è evanescente, ha aggiunto Caballero.

‘La probabilità di un’invasione extraterrestre da parte di una civiltà il cui pianeta inviamo messaggi è… circa due ordini di grandezza inferiore alla probabilità di una collisione di un asteroide assassino di pianeti’, ha scritto nel suo articolo, aggiungendo che gli asteroidi uccidono il pianeta, come quello che condannati i dinosauri, sono eventi 1 su 100 milioni di anni.

Sebbene lo studio di Caballero ponga un interessante esperimento mentale, l’autore ammette che il suo modello ha dei limiti. La probabilità di invasione si basa su una fetta molto ristretta della storia umana e fa molte ipotesi sullo sviluppo futuro della nostra specie. Il modello presume anche che l’intelligenza aliena avrà composizioni cerebrali, valori e sensi di empatia simili a quelli degli umani, il che potrebbe semplicemente non essere il caso, ha detto Caballero a Vice.

“Ho scritto il giornale basandomi solo sulla vita come la conosciamo”, ha detto. “Non conosciamo la mente degli extraterrestri”. E a quanto pare, ci vorranno almeno qualche centinaio di anni prima che lo faremo.

Andrea TosiScienzaTopAlieni,Civiltà Aliene,Spazio UFO,SPAZIO UFO OVNI,Via Lattea
La Via Lattea ospita milioni di pianeti potenzialmente abitabili e circa quattro di loro potrebbero ospitare malvagie civiltà aliene che invaderebbero la Terra se potessero, suggerisce una nuova ricerca pubblicata nel database di prestampa arXiv. Il nuovo documento, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, pone una...