Quando si investe sui mercati finanziari la prima scelta da fare è quella relativa al broker. Si tratta di un passaggio che può sembrare molto semplice ma, al contrario, nasconde delle insidie che possono mettere in difficoltà specialmente chi si avvicina per la prima volta al mondo degli investimenti finanziari.

Ma come si sceglie una piattaforma di trading e, sopratutto, quali sono le migliori per potersi approcciare ai mercati finanziari in maniera molto semplice e sicura? Per andare a fondo all’argomento abbiamo interpellato lo staff de ilcorsivoquotidiano autore, tra l’altro, di questa ottima guida dedicata all’argomento: //ilcorsivoquotidiano.net/trading/classifica-dei-migliori-broker-2014.html.

Come si sceglie un broker per il trading online?

Per prima cosa dobbiamo ricordare che il broker è quella società finanziaria che ci mette a disposizione la piattaforma che useremo per operare sui mercati finanziari. Questo solo per far capire quanto sia importante fare una scelta di qualità così da evitare di trovarsi a dover affrontare le insidie dei mercati senza mezzi adeguati. Detto questo consigliamo di scegliere il broker partendo dalla qualità degli strumenti messi a disposizione e dall’affidabilità dell’assistenza clienti. Questo aspetto, molte volte sottovalutato, può fare la differenza quando ci si trova a dover affrontare qualche problema.

Perchè il broker deve essere regolamentato?

La regolamentazione è sicuramente un aspetto imprescindibile. Un broker regolamentato permetterà di avere depositi assicurati e una qualità maggiore per quel che riguarda strumenti e servizi offerti ai clienti. Gli organi di vigilanza che regolamentano le piattaforme di trading effettuano dei controlli piuttosto severi per tutelare i trader garantendo loro che le società in questione operino nel rispetto delle normative Europee Mifid.

Quali sono i migliori broker del 2015?

La scelta del broker dipende da molti fattori ma vogliamo comunque dare qualche nome per fornire un’indicazione di massima ai lettori. Per quel che riguarda i contratti per differenza (strumento con cui investire su forex e materie prime) possiamo citare Plus500 e Markets. Per quel che riguarda il trading in opzioni binarie, uno degli strumenti più in voga in questi ultimi 2 anni, possiamo segnalare 24Option e TopOption. Per chi, invece, predilige investimenti più classici possiamo segnalare la piattaforma di trading di Directa, una delle migliori in assoluto e, non a caso, broker scelto per importanti competizioni di trading a livello internazionale.

Andrea TosiEconomiaBroker,Mercati finanziari,Trading Online
Quando si investe sui mercati finanziari la prima scelta da fare è quella relativa al broker. Si tratta di un passaggio che può sembrare molto semplice ma, al contrario, nasconde delle insidie che possono mettere in difficoltà specialmente chi si avvicina per la prima volta al mondo degli investimenti...