Nuovo geoglifo scoperto nelle Linee di Nazca: Un gatto di 37 metri.

Il Ministero della Cultura del Perù ha annunciato questo giovedì la scoperta di una nuova figura nella Pampa di Nazca, che corrisponde a un geoglifo figurativo a forma di gatto lungo circa 37 metri disegnato sulle pendici di una collina. Gli archeologi del ministero hanno fatto la scoperta per caso durante i lavori di ristrutturazione del belvedere naturale, dal quale i visitatori possono vedere parte delle gigantesche linee di Nazca.

La scoperta è stata fatta all’inizio dell’anno, ma a causa della pandemia covid-19, le attività di pulizia e conservazione della figura rimasta nascosta alla vista sono state completate solo nelle ultime settimane. “La figura era appena visibile e stava per scomparire perché si trova su un pendio abbastanza ripido ea causa degli effetti dell’erosione naturale”, ha detto in una nota lo staff di Culture.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Le linee rappresentano un gatto con il corpo di profilo e la testa rivolta in avanti, i cui lineamenti erano ben segnati da una linea larga dai 30 ai 40 centimetri. Si stima che il felino sia stato scolpito tra 100 e 200 anni prima della nostra era, molto prima delle famose figure di altri animali come la scimmia o l’uccello appartenenti alla cultura Nazca, e per centinaia di anni è rimasto intatto in mezzo al deserto.

L’evidenza indica il fatto che il gatto appartiene alla cultura Paracas, che ha preceduto la cultura Nazca di diversi secoli, a cui sono attribuiti i geoglifi più noti in questa regione. Rappresentazioni di felini di questo tipo sono frequenti nell’iconografia della ceramica e dei tessuti della società di Paracas.

Andrea TosiScienzaTopAlieni,Archeologia,Enigma,Gatto,Geoglifi,Mistero,Mistero di Nasca,Nasca,Paracas,Perù,Scoperta,Vita extraterrestre
Il Ministero della Cultura del Perù ha annunciato questo giovedì la scoperta di una nuova figura nella Pampa di Nazca, che corrisponde a un geoglifo figurativo a forma di gatto lungo circa 37 metri disegnato sulle pendici di una collina. Gli archeologi del ministero hanno fatto la scoperta per...