"È molto sconcertante": gli scienziati scoprono che la Luna si sta arrugginendo anche se era praticamente impossibile

Un team di scienziati dell’Università delle Hawaii e del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA hanno scoperto che le alte latitudini della Luna si stanno arrugginendo. Gli esperti hanno scoperto l’ematite, una forma di ossido che richiede ossigeno e acqua, due elementi che non dovrebbero essere prevalenti sul nostro satellite naturale. “E’ molto sconcertante. La Luna è un ambiente terribile per la formazione di ematite”, ha spiegato il medico di geoscienze planetarie che ha guidato la ricerca, Shuai Li.

Il ritrovamento è stato possibile grazie all’analisi dei dati raccolti dal Moon Mineralogy Mapper o strumento M3, progettato dalla NASA, che ha volato a bordo di Chandrayaan-1, la prima missione dell’India sulla Luna, che ha fornito la prima mappa mineralogica della superficie lunare. Inoltre, nel 2009 questo strumento ha trovato acqua ghiacciata sulla Luna.

“All’inizio non ci credevo affatto. Non dovrebbe esistere in base alle condizioni presenti sulla Luna”, ha aggiunto la scienziata del JPL Abigail Fraeman. Tuttavia, ha osservato che da quando le molecole d’acqua sono state scoperte sul satellite, si è speculato sulla presenza di una maggiore varietà di minerali.

Dove inizia il “mistero”?

Secondo una dichiarazione della NASA, “il mistero inizia con il vento solare“, la cui corrente bombarda la Terra e la Luna con l’idrogeno, un elemento chimico che ostacola la formazione

dell’ematite, e mentre il nostro pianeta ha un campo magnetico che protegge da questo idrogeno, la Luna non ce l’ha ed è esposta.

“La nostra ipotesi è che l’ematite lunare si formi attraverso l’ossidazione del ferro della superficie della Luna attraverso l’ossigeno nell’atmosfera terrestre che è stato continuamente attirato sulla superficie lunare dal vento solare mentre la Luna era sulla coda magnetica terrestre durante gli ultimi miliardi di anni”, ha spiegato Li.

Dopo questa scoperta, Li ritiene che “la Terra avrebbe potuto svolgere un ruolo importante nell’evoluzione della superficie lunare” e che i nuovi dati consentiranno di riformulare la conoscenza delle regioni polari del nostro satellite naturale.

Tre chiavi per comprendere il fenomeno:

  1. Sebbene la Luna non abbia atmosfera, ospita tracce di ossigeno espulso dal nostro pianeta. Pertanto, M3 ha trovato una maggiore quantità di ematite sul lato del satellite più vicino alla Terra.
  2. Si ritiene che la coda magnetica della Terra abbia un effetto mediatore che blocca il 99% del vento solare durante determinati periodi di tempo, interrompendo il passaggio dell’idrogeno che darebbe inizio al processo di ossidazione.
  3. Mentre la maggior parte della Luna è completamente asciutta, il ghiaccio può essere trovato in alcuni crateri sul lato opposto della Luna. Tuttavia, l’ematite è stata rilevata lontano da quella zona ed è collegata alle molecole d’acqua trovate sulla superficie lunare.

I risultati dello studio sono stati pubblicati martedì sulla rivista Science Advances.

Andrea TosiScienzaTopEmatite,Idrogeno,Luna,NASA,Scoperta,Scoperta NASA,Scoperta Spaziale,Spazio,Spazio News
Un team di scienziati dell'Università delle Hawaii e del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA hanno scoperto che le alte latitudini della Luna si stanno arrugginendo. Gli esperti hanno scoperto l'ematite, una forma di ossido che richiede ossigeno e acqua, due elementi che non dovrebbero essere prevalenti sul nostro...