"Bianchi Alti", Alieni preoccupati per lo sviluppo dell'umanità

A metà degli anni ’50, un gruppo delle forze armate degli Stati Uniti ebbe contatti con una razza extraterrestre, che in seguito fu conosciuta come i “Bianchi Alti“. Charles Hall, un ex veterano dell’aeronautica degli Stati Uniti, era incaricato di divulgare queste informazioni e spiegare cosa è successo.

Contatto con gli alieni

Secondo le informazioni fornite da Hall, questi esseri sono alti più di 2,40 metri. Hanno un aspetto umanoide, dove risaltano i loro capelli biondo platino e il fisico forte. La loro pelle è pallida e liscia e la loro anatomia è praticamente identica alla nostra, ma c’è una differenza molto evidente: il modo in cui camminano. Questi esseri sono abituati a una gravità molto più elevata, quindi camminano più piegati e con le ginocchia più piegate.

Non possono parlare, quindi usano la telecinesi per comunicare con gli umani. Hall ha assicurato che questi esseri indossavano abiti alluminati e secondo quanto hanno detto ai membri delle forze armate, possono vivere fino a 800 anni. Hanno una condizione che gli fa invecchiare come gli umani. Hanno “2 stadi di crescita”, fino a 400 anni possono misurare fino a 2 metri di altezza, ma quando compiono 4 secoli, subiscono un allungamento che li fa superare i 2,40 metri di altezza.

Bianchi Alti si sono dimostrati molto intelligenti, in grado di elaborare e comprendere immediatamente qualsiasi informazione. In questo modo hanno capito il modo di vivere dell’umanità. Secondo la ricerca, ogni individuo ha un talento che lo distingue, sia fisicamente che intellettualmente. Anche se la loro tecnologia è di gran lunga superiore alla nostra, l’evidenza suggerisce che non sono moralmente diversi da noi.

Un fatto interessante menzionato da Hall è che questi alieni hanno 28 denti e le loro cellule del sangue hanno una forma biconvessa, a differenza di quella degli umani, che sono concave. Un’altra differenza rispetto a questa razza aliena è il loro schema di sonno, che è molto più veloce di quello umano. Di solito hanno bisogno solo di un paio d’ore di sonno per riposare completamente.

Bianchi Alti attraverso la storia

Il loro pianeta, oltre alla gravità, mostra anche un’altra grande differenza rispetto alla Terra. I loro giorni durano fino a 48 ore terrestri. Questo rende il loro schema di sonno diverso da quello umano, poiché sono svegli molto più a lungo. Un paio d’ore sono sufficienti per recuperare le energie.

Sebbene la loro origine e il loro pianeta siano finora sconosciuti, si ritiene che provengano da Alpha Centauri, poiché hanno dimostrato che la stella Arturo (“il guardiano dell’orsa”, la stella gigante

arancione circa 25 volte più grande del Sole) è di grande importanza per la loro cultura. Inoltre, Hall è stato in grado di decifrare i tempi di transito della rotta dei Bianchi Alti da osservazioni ravvicinate delle navi e degli orari.

Molte persone oggi hanno riferito di aver visto persone con caratteristiche fisiche simili a quelle dei Bianchi Alti. Ma i più interessanti sono i documenti storici che menzionano la presenza di personaggi estremamente alti, con i capelli argentati e la pelle bianca.

In Sud America, gli Incas descrissero i loro insegnanti che venivano dal cielo come esseri bianchi che condividevano con loro la loro saggezza. La mitologia persiana fa menzione dell’Ahura Mazda, o “Spiriti della saggezza”. Questi esseri sono anche descritti come uomini di grande statura, capelli e pelle bianca che hanno insegnato alla gente del posto l’arte dell’agricoltura, della matematica, dell’astronomia, dell’architettura e molto altro ancora.

In Nord America, gli indiani Hopi li chiamano Pahana, o “Fratelli Bianchi del Cielo”. La loro mitologia assicura che hanno concesso la conoscenza spirituale ai nativi. La tribù, infatti, continua ad attendere il loro ritorno.

In India, gli antichi scritti sanscriti menzionano i Vaiu, gli “Dei Bianchi del Vento”, che hanno anche conferito una grande conoscenza all’antica civiltà. Inoltre, fa anche menzione di un mondo in cui le navi volanti, controllate dalla mente degli dei, erano comuni nel cielo.

Scambio tecnologico con le astronavi dei Bianchi Alti

Charles Hall (nella foto qui sopra) ha anche menzionato tre tipi di navi su cui viaggiavano gli Alti Bianchi. Queste navi avevano dimensioni e funzioni diverse; c’era il più piccolo, alimentato dall’energia nucleare che veniva utilizzato per l’esplorazione. La nave interstellare che si muove alla velocità della luce.

Ma quella che si è distinta di più è stata la “Nave Nera“, alta circa 20 metri e lunga quasi 110 metri. Il veterano ha spiegato che la tecnologia della nave da ricognizione è stata condivisa con le forze armate statunitensi. Ma l’intero accordo è stato sempre tenuto segreto e non è noto se abbiano utilizzato o meno tale tecnologia. Tuttavia, Hall è stato in grado di vedere personalmente l’Hangar dove erano riparate queste navi volanti. A questo proposito, ha detto quanto segue:

“Ho potuto osservare le strutture di riparazione da una breve distanza e, per quanto ne so, sono l’unica persona a cui è stato consentito di vedere queste strutture. I generali americani farebbero di tutto per mantenere buoni rapporti con gli Alti Bianchi per ottenere la loro tecnologia. Lo scambio è stato fatto con il beneficio degli Alti Bianchi, che, occasionalmente, hanno partecipato a riunioni riservate aiutando lo sviluppo tecnologico”.

In questo senso, l’ex presidente Eisenhower (1890-1969) potrebbe aver tenuto riunioni segrete con questi alieni. L’ex militare ha denunciato che le forze armate statunitensi erano incaricate di fornire rifornimenti a questi esseri. Nella loro dieta vi era sempre funghi, budino e verdure, quindi pensava che fossero erbivori.

L’incontro con Eisenhower

Gli esperti ritengono che il generale e politico statunitense Dwight David Eisenhower, durante la sua amministrazione (34º presidente degli Stati Uniti d’America dal 1953 al 1961), abbia tenuto riunioni segrete con il gruppo degli Alti Bianchi sulla Terra, che stavano cercando di convincerlo ad annullare il suo programma missilistico nucleare in cambio di tecnologia avanzata.

Si ritiene che questo incontro abbia avuto luogo nel febbraio 1954 presso la base aeronautica di Edwards. Questo potrebbe essere il motivo della scomparsa del presidente quel giorno a causa di “chirurgia dentale d’urgenza”. Qualche tempo dopo si è scoperto che questo intervento non è mai stato eseguito.

Gli esperti ritengono che questo incontro non abbia raggiunto alcun accordo e invece Eisenhower ha firmato un trattato con i Grigi. In questo accordo, gli Stati Uniti potrebbero mantenere il loro arsenale nucleare poiché questi esseri hanno chiesto di sperimentare con le persone per realizzare lo scambio tecnologico. In questo modo si può capire che gli Alti Bianchi non rappresentavano alcuna minaccia per l’umanità. Hanno usato la Terra solo come base per cercare di sviluppare la nostra civiltà.

Ci sono pochissime informazioni su questi alieni Bianchi Alti, al di là della storia di Charles Hall, delle indagini fatte da esperti e delle denunce di persone nel mondo. Tuttavia, la teoria ha acquisito più forza e sempre più ricercatori hanno avuto il compito di studiare questa civiltà.

Andrea TosiScienzaTopAlieni,Alieni Bianchi Alti,Alieni Grigi,Alieni Grigi Alti,Bianchi Alti,Spazio UFO,SPAZIO UFO OVNI
A metà degli anni '50, un gruppo delle forze armate degli Stati Uniti ebbe contatti con una razza extraterrestre, che in seguito fu conosciuta come i 'Bianchi Alti'. Charles Hall, un ex veterano dell'aeronautica degli Stati Uniti, era incaricato di divulgare queste informazioni e spiegare cosa è successo. Contatto con...