P 38 Lightning

Un’aereo da combattimento USA che scomparve durante un attacco ad un aeroporto italiano nel corso della Seconda Guerra Mondiale è stato trovato 80 anni dopo. Il pilota statunitense Warren Singer, di 22 anni, si imbarcò a bordo del P-38 Lightning quando sferrò l’offensiva su una base aerea situata vicino al comune di Foggia, il 25 agosto 1943.

La missione della flotta che formava parte del P-38 Lightning era di restituire la risposta aerea dell’Italia e terminò con l’esito: le 137 aeronavi statunitensi che si unirono al suo destino distrussero 65 aerei nemici nelle loro basi.

Il pilota statunitense Warren Singer

Adesso, i sommozzatori hanno trovato i resti dell’aereo di Singer a una

profondità di 12 metri, nel Golfo di Manfredonia, a circa 60 chilometri da Foggia. A scoprire il velivolo è stato il sommergibilista Fabio Bisciotti, direttore del Gruppo studi subacquei della Lega Navale Italiana.

Lockheed P 38 Lightning USAF

L’aereo è in ottime condizioni. È molto probabile che abbia subito un guasto meccanico ed sia caduto in acqua“, ha detto. In questo senso ha aggiunto che, essendo lontano dalla costa, non è stato colpito da cannoni antiaerei. Allo stesso modo, ha spiegato che non sono stati trovati resti umani. “I finestrini sono aperti, quindi siamo abbastanza sicuri che [Singer] sia riuscito a lasciare l’aereo“, ha spiegato. Tuttavia, ritiene che il pilota possa essere annegato.

Federica SantoniItaliaTopAereo da combattimento,Archeologia,Foggia,Golfo di Manfredonia,Guerra Mondiale,P-38 Lightning,Scoperta archeologica,Seconda Guerra Mondiale,Stati Uniti
Un'aereo da combattimento USA che scomparve durante un attacco ad un aeroporto italiano nel corso della Seconda Guerra Mondiale è stato trovato 80 anni dopo. Il pilota statunitense Warren Singer, di 22 anni, si imbarcò a bordo del P-38 Lightning quando sferrò l'offensiva su una base aerea situata vicino...