Plasticrosta, nuova forma di inquinamento

Le Petit Larousse Illustré, il dizionario enciclopedico in lingua francese, ha svelato il contenuto della sua edizione 2022 che sarà pubblicata a giugno … con l’aggiunta di ben 170 parole! Tra questi, “plasticroûte“, che descrive una nuova forma di inquinamento identificata nel 2016 dai biologi portoghesi. Vi diciamo di più su questo termine divertente. Sei su una spiaggia e contempli gli scogli della costa. Sulle pareti nessun muschio di alghe o pervinca, ma uno strano strato tinto di blu, che non assomiglia a nessuna specie vivente. E per una buona ragione: sono in realtà frammenti di plastica respinti dagli oceani, poi incrostati nelle rocce.

Questa sconvolgente scoperta è stata fatta nel 2016 da scienziati portoghesi del Centro per le scienze ambientali e marine (MARE) di Lisbona, durante una spedizione nell’isola di Madeira, situata nel sud-ovest del Portogallo nell’Oceano Atlantico. Al loro ritorno nella capitale, i ricercatori decidono di indagare per studiare più da vicino questi frammenti.

Quest’ultimo è tornato più volte sull’isola di Madeira tra il 2017 e il 2019 e ha scoperto che questa nuova forma di inquinamento è esponenziale.

Nel giugno 2019, il gruppo di ricerca ha pubblicato uno studio dal titolo: “Plasticrusts: A new potenziale threat in the Anthropocene’s Rockers of the Anthropocene“. Secondo il lavoro, queste croste di plastica coprono il 9,46% della superficie rocciosa dell’isola di Madeira. Subito dopo la pubblicazione di questo studio, il termine “plasticrust” ha cominciato a diffondersi a macchia d’olio sui media. Pronunciata ad alta voce, la parola può farti sorridere per il suo suono divertente. Ma l’esistenza del fenomeno a cui si riferisce lo è molto meno. Perché se la plastica è stata individuata sull’isola di Madeira, probabilmente non è purtroppo l’unico posto al mondo in cui può essere osservata.

I frammenti rinvenuti nelle rocce, infatti, sono per lo più costituiti da polietilene, una famiglia di materie plastiche utilizzata per la fabbricazione di molti oggetti di uso quotidiano (imballaggi, borse, bottiglie, ecc.).

“Siamo abbastanza convinti che questo fenomeno non riguardi solo Madeira e che molto probabilmente sarà presto segnalato in altre regioni del mondo”, avvertono gli scienziati dietro la scoperta della plasticrust.

Quando sappiamo che nel mondo vengono prodotte più di 310 milioni di tonnellate di plastica ogni anno e che tra gli  8 ei 12 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica finiscono negli oceani, non sorprende che il termine “plasticroust” abbia influenzato il nostro linguaggio, al punto da fare la sua entrata ufficiale in uno dei più grandi dizionari della lingua francese.

Federica SantoniScienzaTopBiologia,Inquinamento,Plastica,Vocabolario
Le Petit Larousse Illustré, il dizionario enciclopedico in lingua francese, ha svelato il contenuto della sua edizione 2022 che sarà pubblicata a giugno ... con l'aggiunta di ben 170 parole! Tra questi, 'plasticroûte', che descrive una nuova forma di inquinamento identificata nel 2016 dai biologi portoghesi. Vi diciamo di...