NASA: OSIRIS-REx scopre segnali di acqua su Asteroide Bennu.

La sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA ha incontrato indizi importanti che fanno pensare che l’asteroide Bennu tiene oppure ha avuto contatto con acqua liquida. I ricercatori sono arrivati a questa strepitosa conclusione dopo che sono state scoperte molecole antichissime di idrogeno e ossigeno, specificatamente molecole formate da un atomo di idrogeno e uno di ossigeno (idrossili in gergo tecnico).

Dopo essersi avvicinata al corpo celeste grande come un grattacielo, la sonda OSIRIS-REx della NASA dovrà affrontare la missione più difficile, ossia raccogliere un campione di roccia e riportarlo sulla Terra per svelare l’origine della vita.

Il ritorno della sonda alla Terra è previsto per il 2023. L’avvicinamento è previsto per luglio 2020, quando arriverà a soli 2 metri di distanza, estrarrà un braccio e raccoglierà un campione di polvere e granelli dalla superfice (regolite), con una di quelle spettacolari operazioni spaziali cui la NASA ci ha abituato.

La sonda OSIRIS-REx della NASA è stata lanciata nello spazio dopo che è stato ipotizzato un impatto asteroide con le 80 milioni di tonnellate di Bennu che potrebbe avvenire alla fine del secolo prossimo. Ha raggiunto l’asteroide dopo aver viaggiato nello spazio per ben 2,2 miliardi di chilometri. E’ dal 3 dicembre che Osiris-Rex sta orbitando attorno a Bennu, questo asteroide di circa 500 metri di diametro, a 15 chilometri di altezza, osservandone la forma e analizzandone la composizione chimica grazie a strumenti chiamati spettroscopi.

Andrea TosiScienzaTopAsteroide Bennu,Asteroidi,Astronomia,Impatto Asteroide,Missione Spaziale,NASA,OSIRIS-REx,Spazio
La sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA ha incontrato indizi importanti che fanno pensare che l'asteroide Bennu tiene oppure ha avuto contatto con acqua liquida. I ricercatori sono arrivati a questa strepitosa conclusione dopo che sono state scoperte molecole antichissime di idrogeno e ossigeno, specificatamente molecole formate da un atomo...