NASA dichiara finita la missione Rover Opportunity su Marte.

Uno dei più riusciti e duraturo exploit nella esplorazione interplanetaria, la missione del Rover Opportunity della NASA è stata terminata dopo quasi 15 anni passati a esplorare la superficie di Marte e di contribuire a gettare le basi per il ritorno della NASA Pianeta Rosso.

Il Rover Opportunity ha smesso di comunicare con la Terra quando una severa tempesta di polvere su tutto il pianeta ha coperto la sua ubicazione nel giugno 2018. Dopo più di un migliaio di comandi per ripristinare il contatto, gli ingegneri della NASA hanno fatto il loro ultimo sforzo per cercare di far rivivere gli sforzi il Rover Opportunity negli ultimi giorni, ma senza alcun risultato. L’ultima comunicazione del rover con l’energia solare è stata ricevuta il 10 giugno.

“Grazie alle missioni pionieristiche come quella del Rover Opportunity arriverà un giorno in cui i nostri coraggiosi astronauti cammineranno sulla superficie di Marte”

Lo ha detto l’amministratore della NASA, Jim Bridenstine:

“E quando quel giorno arriverà, parte di quella prima impronta sarà di proprietà di uomini e donne che hanno lavorato a Opportunity, e un piccolo rover che ha sfidato le probabilità e ha fatto molto in nome dell’esplorazione spaziale”.

NASA dichiara finita la missione Rover Opportunity su Marte.

Progettato per durare solo 90 giorni marziani e percorrere 1.100 yards (1.000 metri), Opportunity ha di gran lunga superato tutte le aspettative in termini di forza, valore scientifico e longevità. Oltre a superare la sua speranza di vita a 60 volte il rover ha percorso più di 28 miglia (45 chilometri) dal momento in cui ha raggiunto Perseverance Valley, il suo più appropriato luogo di riposo finale su Marte.

“Per più di un decennio, Opportunity è stata un’icona nel campo dell’esplorazione planetaria, insegnandoci circa l’antico passato di Marte come un pianeta umido e potenzialmente abitabile, e rivelando paesaggi marziani sconosciuti”, ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato di scienze della NASA.

Il direttore della missione su Marte ha anche detto:

“Qualunque sia la perdita che sentiamo ora, dovrebbe essere moderata sapendo che l’eredità di Opportunity continua, sia sulla superficie di Marte con il rover Curiosity e InSight Lander, ed i laboratori spaziali di JPL dove il prossimo rover di Marte 2020 sta prendendo forma”.

La trasmissione finale, che ha inviato attraverso l’antenna della stazione di Marte di 70 metri al complesso Goldstone Deep Space Complex della NASA in California, ha messo la parola fine a una strategia multiforme recupero durata otto mesi, nel tentativo di forzare il rover nel suo ritorno a comunicare con la Terra.

“Abbiamo fatto ogni ragionevole sforzo di ingegneria per cercare di recuperare Opportunity e hanno determinato che la probabilità di ricevere un segnale è troppo bassa per continuare gli sforzi

di recupero”, ha dichiarato John Callas, responsabile del progetto Mars Exploration Rover (MER) al JPL .

Opportunity ha raggiunto la regione Meridiani Planum di Marte il 24 Gennaio 2004

Ssette mesi dopo il suo lancio dalla stazione di Cape Canaveral Air Force in Florida. Il suo veicolo gemello, Spirit, è atterrato 20 giorni prima del cratere Gusev 103 miglia di larghezza (larghezza 166 km) nell’altro lato di Marte. Spirit ha percorso quasi 5 miglia (8 chilometri) prima di finalizzare la sua missione sul pianeta rosso nel maggio 2011.

Da quando Opportunity è atterrato, un team di piloti rover, ingegneri di missione e scienziati sulla Terra hanno lavorato insieme per superare le sfide e muovere il rover su Marte da un sito geologico a quello successivo. Hanno rintracciato vie praticabili in terreno ripido per l’esploratore marziano del peso di 384 libbre (174 chilogrammi), hanno potuto manovrarlo a distanza, e a volte, anche su rocce e massi,con salite con pendenze ripide come 32 gradi (un record al di fuori della Terra), sondare i piani del cratere, le colline in cima e attraversare i possibili canali di fiumi secchi. La sua ultima avventura lo portò sulla punta occidentale della Perseverance Valley.

“Non riesco a pensare ad un luogo più appropriato per la possibilità di riposare sulla superficie di Marte che uno chiamato Perseverance Valley”, ha detto Michael Watkins, direttore del JPL:

“I records, le scoperte e la tenacia di questo piccolo rover intrepido è una testimonianza l’ingegno, la dedizione e la perseveranza delle persone che hanno costruito e condotto”.

I records compiuti dal Rover Opportunity.

  1. Ha stabilito un record di guida di un giorno su Marte il 20 marzo 2005, quando ha viaggiato a 721 piedi (220 metri).
  2. Ha restituito oltre 217.000 immagini, tra cui 15 panoramiche a colori a 360 gradi.
  3. Ha esposto le superfici di 52 rocce per rivelare nuove superfici minerali per l’analisi e ha cancellato 72 obiettivi aggiuntivi con un pennello per prepararli all’ispezione con spettrometri e una fotocamera microscopica.
  4. Ha scoperto la ematite, un minerale che si forma nell’acqua al suo sito di atterraggio.
  5. Ha scoperto forti indicazioni nel cratere Endeavour dell’azione di acque antiche, simili all’acqua potabile di uno stagno o di un lago sulla Terra.

Tutte le analisi scientifiche al di fuori del suo cammino e nel luogo erano al servizio dell’obiettivo principale del Mars Exploration Rovers: cercare le prove storiche del clima e dell’acqua del Pianeta Rosso in luoghi in cui le condizioni avrebbero potuto essere favorevoli per la vita.

Poiché l’acqua liquida è necessaria per la vita, come la conosciamo, le scoperte di Opportunity hanno implicato che le condizioni in Meridiani Planum potrebbero essere state abitabili per un certo periodo di tempo nella storia di Marte.

“Fin dal primo momento, Opportunity ha condotto la nostra ricerca di test relativi all’acqua”, ha affermato Steve Squyres, ricercatore principale del carico utile per le rover della Cornell University. “E quando le scoperte di Opportunity e Spirit si sono combinate, ci hanno mostrato che l’antico Marte era un posto molto diverso da Marte di oggi, che è un mondo freddo, arido e desolato. Ma se guardi al suo passato antico, troverai prove convincenti per l’acqua liquida sopra e sotto la superficie”.

Solo nel 2005, Opportunity perse lo sterzo di una delle sue ruote anteriori, un riscaldatore intasato minacciò di limitare severamente la potenza disponibile del veicolo e un’ondata di sabbia marziana quasi lo uccide per sempre. Due anni dopo, una tempesta di sabbia di due mesi ha messo il rover in pericolo prima di cedere. Nel 2015, Opportunity ha perso l’uso della sua memoria flash da 256 megabyte e, nel 2017, ha perso l’indirizzo della sua altra ruota anteriore.

L’esploratore di Marte più antico della storia.

Ogni volta che il rover stava affrontando un ostacolo, la squadra di Opportunity cercava una soluzione sulla Terra, permettendo poi al rover di recuperarsi. Tuttavia, l’ultima massiccia tempesta di sabbia che ha preso forma durante l’estate del 2018 è stato troppo forte per l’esploratore di Marte più antico della storia.

“Quando penso a Opportunity, mi ricordo quel luogo dove il nostro intrepido rover superò di gran lunga le aspettative di tutti”, ha detto Callas. “Ma credo che quello che apprezzo di più è l’impatto che Opportunity aveva su di noi qui sulla Terra. E’ l’esplorazione effettuata e le scoperte fenomenali. E’ la generazione di giovani scienziati e ingegneri che sono diventati esploratori dello spazio con questa missione. E’ il pubblico che ha seguito ognuno dei nostri passi. E’ l’eredità tecnica dei Mars Exploration Rover, che tiene conto del Curiosity e la prossima missione su Marte 2020. Addio Opportunity, hai fatto tutto bene!”.

L’esplorazione di Marte continua senza sosta.

Il lander InSight della NASA, che è atterrato il 26 novembre, sta appena iniziando le sue indagini scientifiche. Il rover Curiosity ha esplorato il cratere di Gale per più di sei anni. E il rover Mars 2020 della NASA e il rover ExoMars dell’Agenzia spaziale europea saranno lanciati a luglio 2020, diventando le prime missioni progettate per cercare i segni delle vite microbiche del passato sul Pianeta Rosso.

Andrea TosiScienzaTopAcqua su Marte,Marte,NASA,Rover Opportunity,Spazio,Spazio News,Vita su Marte
Uno dei più riusciti e duraturo exploit nella esplorazione interplanetaria, la missione del Rover Opportunity della NASA è stata terminata dopo quasi 15 anni passati a esplorare la superficie di Marte e di contribuire a gettare le basi per il ritorno della NASA Pianeta Rosso. Il Rover Opportunity ha smesso...