La scoperta di un teschio mostra che Lucy non viveva sola.

Ottenuto il ritratto dell’antenato della nostra bisnonna Lucy: riscrive le conoscenze sui progenitori dell’uomo. Il fossile corrisponde a un “Australopithecus anamensis” che visse 3,8 milioni di anni fa. La scoperta mostra che entrambi sono coesistiti senza che entrambi si siano estinti.

Lucy, il più famoso scheletro ominide mai trovato, ora ha trovato un antenato con cui condividere la fama. È un esemplare appena scoperto di “Australopithecus anamensis”, battezzato, per ora, come MRD-VP-1/1. Di lui è stato trovato solo il cranio: un fossile che, nonostante abbia circa 3,8 milioni di anni, rimane quasi completo e in perfette condizioni.

Questa scoperta, pubblicata questo mercoledì sulla rivista “Nature”, “completa il complesso enigma dell’evoluzione umana”, secondo Lluís Gibert, geologo della Facoltà di Scienze della Terra dell’Università di Barcellona e parte del team di ricercatori responsabili di questa nuova scoperta, e contraddice la teoria secondo cui non esiste alcuna relazione genetica tra le due specie, secondo la quale si scompare per dare origine a una nuova. In effetti, i ricercatori affermano che entrambe le specie hanno convissuto per 100.000 anni.

La scoperta della specie Australopithecus

Australopithecus anamensis” è il membro più anziano del genere “Australopithecus“. Questa specie era precedentemente identificata da resti dentali e frammenti di mascella risalenti tra 4,2 e 3,9 milioni di anni.

Le somiglianze con i denti del cranio fossile trovati hanno permesso di identificarlo come membro di questa specie. Inoltre, grazie al fatto che il cranio è stato trovato quasi completo, sono state identificate le caratteristiche craniche e facciali che non erano state precedentemente osservate in questa specie. Gli esperti ritengono che alcuni di questi tratti siano condivisi con le specie discendenti, “Australopithecus afarensis“, mentre altri sono più tipici di gruppi precedenti come “Ardipithecus” e “Sahelantropus“.

Secondo Gibert, “la geologia e l’età del cranio sono un pezzo essenziale per poter interpretare il fossile nel contesto dell’evoluzione umana”. Il teschio è stato trovato nel 2016 in un luogo non studiato fino ad allora, situato nella regione di Afar (Etiopia). È una zona semi-desertica, attraversata da numerosi fiumi accanto ai quali c’è molta vita e situata vicino a un triplo punto in cui tre placche tettoniche sono separate e c’è un’attività vulcanica molto attiva. I ricercatori ritengono che al tempo in cui viveva questo ominide appena scoperto, 3,8 milioni di anni fa, la situazione tettonica potesse essere simile, dato che spiccano gli accumuli di cenere vulcanica fino a due metri di spessore.

La raccolta di campioni di sedimenti e ceneri vulcaniche vicino al sito insieme a dati paleomagnetici ha contribuito a determinare l’età precisa del fossile. D’altra parte, campioni di polline, diatomee e biomarcatori oltre alla fauna trovata associata al cranio, hanno dato ai ricercatori “un’idea approssimativa di come fossero la vegetazione e l’ambiente”, afferma Lluís Gibert.

Ambiente favorevole per gli ominidi

Ciò che si sa del paesaggio in cui MRD viveva, è che conteneva un lago di una certa salinità e profondo tra sei e otto metri che era alimentato da un fiume di dimensioni simili all’attuale fiume Mille. In questo ambiente c’era vegetazione boschiva, ma in punti lontani dall’acqua, il polline rivela un ambiente più aperto e arido con vegetazione dominata da arbusti e una proporzione variabile di erbe, forse simile a quella attuale. “L’ambiente intorno al lago deve aver offerto una moltitudine di risorse alimentari per gli individui che camminavano già in modo bipede”, sostiene il geologo.

La scoperta di questo nuovo esemplare di ominide è stata effettuata nell’ambito del progetto WORMILL (Woranso-Mille) diretto da Yohannes Haile-Selassie Commissario del Cleveland Museum of Natural History e professore alla Case Western Reserve University (Stati Uniti) che ha fornito circa 230 fossili di ominidi per 15 anni e nel 2016 ha scoperto questo teschio.

Andrea TosiScienzaTopAustralopiteco Lucy,Cranio umano,Fossile,Paleontologia,Scoperta,Teschio umano
Ottenuto il ritratto dell'antenato della nostra bisnonna Lucy: riscrive le conoscenze sui progenitori dell'uomo. Il fossile corrisponde a un 'Australopithecus anamensis' che visse 3,8 milioni di anni fa. La scoperta mostra che entrambi sono coesistiti senza che entrambi si siano estinti. Lucy, il più famoso scheletro ominide mai trovato, ora...