Scienziati polacchi scoprono la prima Mummia incinta

Mummia dell’antico Egitto. Una archeologa ha scoperto ai raggi X ciò che sembrava familiare ad una donna incinta: un piccolo piede nella mummia. Gli investigatori in seguito hanno determinato che un feto era nel corpo della donna morta, che si credeva avesse un’età compresa tra i 20 ei 30 anni.

Il feto avrebbe avuto tra le 26 e le 30 settimane quando la donna è morta.

Perché il feto non è stato rimosso durante la mummificazione non è ancora noto. Uno dei ricercatori coinvolti ha avanzato l’ipotesi che potrebbe essere un tentativo di nascondere la gravidanza. Un’altra possibile spiegazione potrebbe essere un collegamento alla fede e alla rinascita nell’aldilà. Il team di ricerca parla di una scoperta unica:

“Non siamo stati in grado di trovare casi comparabili. Ciò significa che la ‘nostra’ mamma è l’unica al mondo in cui è stato diagnosticato un feto“.

La mummia è stata portata in Polonia nel XIX secolo ed è esposta in un museo a Varsavia. Inizialmente si pensava che fossero i resti di un sacerdote maschio che visse nel primo secolo prima o dopo Cristo. Gli scienziati ora tengono conto del fatto che il corpo è molto più vecchio. Non sono ancora chiare esattamente le cause della morte. I ricercatori sperano di poterlo scoprire.

Andrea TosiScienzaTopAntico Egitto,Gravidanza,Mummia,Scoperta
Mummia dell'antico Egitto. Una archeologa ha scoperto ai raggi X ciò che sembrava familiare ad una donna incinta: un piccolo piede nella mummia. Gli investigatori in seguito hanno determinato che un feto era nel corpo della donna morta, che si credeva avesse un'età compresa tra i 20 ei 30...