Scie chimiche, i pericoli per il mondo (messi a tacere).

Sono molte le teorie esistenti sulle scie chimiche che alcuni aerei rilasciano nell’aria duranti i voli. Una recente indagine suggerisce che potrebbe trattarsi veramente di una delle cause del riscaldamento globale, accelerandolo più del doppio della stima effettuata dalle compagnie aeree.

Lo studio, di un paio di anni fa, rileva che non ha nulla a che fare con alcuna teoria della cospirazione della cosiddetta Chemtrails. Ricordiamo che negli anni ’90 molti ricercatori avevano iniziato a mettere in guardia su queste misteriose scie chimiche.

Uno dei loro principali divulgatori fu William Thomas, che, inoltre, fu colui che li battezzò con il nome che tutti noi oggi conosciamo, riferendosi alla parola inglese «contrails», che definisce le scie lasciate dagli aerei. Nel libro intitolato “Chemtrails confirmed“, il giornalista ha sviluppato una teoria piuttosto complessa in cui le testimonianze di diversi osservatori descrivono le forme anormali di queste scie.

L’élite mondiale è talvolta accusata di realizzare progetti segreti, alcuni relativi alla manipolazione del clima o alla riduzione della popolazione, come il recentissimo coronavirus… Sebbene questa teoria non possa essere confermata, lo

studio ha confermato che le tracce sono fatte di cristalli di ghiaccio che si creano quando il vapore caldo del motore reagisce colpendo l’aria fredda nell’atmosfera.

Scie chimiche, i pericoli per il mondo (messi a tacere).

Questo di per sé non significa nulla, tuttavia hanno un’alta responsabilità in tutto ciò che riguarda il riscaldamento globale. Tra le scoperte più importanti fatte dallo studio, vi sono:

  • le scie di vapore bloccano la luce solare, ma intrappolano anche il calore nel buio;
  • il 2,2% dei voli genera almeno l’80% del riscaldamento legato relazionato alla scia;
  • la maggior parte di questi sono generati duranti i decolli nel tardo pomeriggio e al crepuscolo, dove sono meno visibili;
  • la modifica della traiettoria di volo verso l’alto o verso il basso in un raggio di 2000 piedi o meno, genera una riduzione dell’effetto del riscaldamento fino al 59%.

Quest’ultimo punto potrebbe essere la soluzione per impedire ai voli aerei di provocare le scie che influenzano il riscaldamento globale, ma c’è un costo che, forse, le compagnie aeree non sono disposte a sostenere: un forte aumento del consumo di carburante.

Anche se le compagnie aeree esplorassero le modifiche agli orari dei voli, l’aumento del consumo di carburante rimarrebbe un problema molto significativo. Le compagnie aeree sarebbero disposte ad aumentare i loro costi operativi, riducendo i loro profitti, per salvaguardare la “salute” del nostro pianeta Terra?

Andrea TosiScienzaTopCospirazione,Nuovo Ordine Mondiale,Riscaldamento globale,Scie chimiche,Teoria del Complotto,Teorie del complotto,Volo aereo
Sono molte le teorie esistenti sulle scie chimiche che alcuni aerei rilasciano nell'aria duranti i voli. Una recente indagine suggerisce che potrebbe trattarsi veramente di una delle cause del riscaldamento globale, accelerandolo più del doppio della stima effettuata dalle compagnie aeree. Lo studio, di un paio di anni fa, rileva...