Neonato trovato nei bagni dell'aeroporto Doha Qatar: donne passeggere umiliate e perquisite in modo invasivo.

I funzionari dell’aeroporto di Doha hanno confermato che il neonato trovato in uno dei suoi terminal è ancora vivo e si trova sotto le cure di operatori sanitari e sociali.

Il governo federale ha “formalmente registrato le nostre serie preoccupazioni” presso le autorità del Qatar dopo che le donne passeggere australiane sono state presumibilmente umiliate e perquisite in modo invasivo dopo la scoperta del neonato che inizialmente si pesanva fosse morto.

L’incidente è avvenuto all’inizio di ottobre all’aeroporto internazionale di Hamad, dopo che il personale aveva scoperto un neonato, descritto come un neonato prematuro, “abbandonato” nel bagno del terminal.

Le donne all’aeroporto, tra cui 13 australiane, sarebbero state rimosse dai voli, detenute e costrette a sottoporsi a un’ispezione in un’ambulanza sull’asfalto.

Le autorità del Qatar avrebbero costretto le donne a togliersi la biancheria intima, prima che i loro genitali fossero esaminati in modo invasivo, senza il loro consenso. Nessuno è stato informato del neonato prima che iniziassero le perquisizioni.

Donne di altri paesi e altri voli aerei sono state sottoposte a esami simili, ma l’entità dell’incidente non è ancora nota. Secondo Seven News, in Qatar è in corso un’indagine. La compagnia aerea Qatar Airways pratica la legge islamica che punisce severamente le donne che rimangono incinte fuori dal matrimonio.

Andrea PaolaEsteriTopAeroporto,Bambino morto,Doha,Donne,Incidente,Neonato,Neonato morto,Perquisizioni,Qatar,Qatar Airways
I funzionari dell'aeroporto di Doha hanno confermato che il neonato trovato in uno dei suoi terminal è ancora vivo e si trova sotto le cure di operatori sanitari e sociali. Il governo federale ha 'formalmente registrato le nostre serie preoccupazioni' presso le autorità del Qatar dopo che le donne passeggere...