NASA: "Non dobbiamo aspettare molto per scoprire la Vita Extraterrestre".

In tutta l’estensione della Via Lattea, secondo le informazioni raccolte da Keplero, ci sono circa un miliardo di pianeti simili alla Terra, in cui le caratteristiche potrebbero essere date per ospitare la vita extraterrestre.

All’interno del nostro Sistema Solare, due missioni, una su Marte e un’altra su Plutone, hanno catturato un paio di queste caratteristiche. Inoltre, la scoperta della vita batterica fa luce su una missione che è stata presente nell’umanità da secoli: trovare la vita extraterrestre.

Secondo Jim Bridenstine, amministratore della NASA, è probabile che non dovremmo aspettare ancora a lungo.

Il rover Curiosty ha trovato minerali argillosi a concentrazioni di rocce sul Monte Sharp, suggerendo che il cratere di Gale ospitava una grande quantità di acqua e rocce. Questo risultato è molto importante per comprendere il processo della scomparsa del fluido vitale.

D’altra parte, la sonda New Horizons ha scoperto anche la presenza di ammoniaca in Plutone, che mostra una recente attività geologica con acqua liquida, qualcosa di elementare per regolare la temperatura, aumentando la possibilità che ci siano condizioni ideali per la vita.

La vita ha bisogno di tre ingredienti essenziali.

La vita, così come la conosciamo, ha bisogno di tre ingredienti essenziali: acqua allo stato liquido, molecole organiche e una fonte di energia. Molti ricercatori sostengono che, entro il primo miliardo di anni dalla storia del nostro pianeta, ha potuto raggiungere la Terra a bordo di meteoriti o comete.

Mentre l’acqua, secondo una recente ipotesi avanzata dagli scienziati dell’Università di Münster, in Germania, e denominata “gigantesca ipotesi d’impatto“, arrivò circa quattro miliardi e mezzo di anni fa, quando il protopianeta Theia (ipotetico pianeta antico nel primo sistema solare) entrò in collisione con la Terra e, a causa di questa collisione, fu creata sulla Luna.

Per scoprire cosa ha portato l’acqua, hanno analizzato gli isotopi di un elemento della tavola periodica noto come molibdeno, che si trova nel mantello della Terra.

La teoria suggerisce che Tehia si sia formata in un’area vicina al nostro mondo, dove c’è una grande quantità di materiali rocciosi. Ma le prove dimostrano che si è spostato dalla zona esterna e in seguito ha subito un impatto. Questo protopianeta avrebbe ospitato l’acqua e questa collisione formò le grandi masse di oceani sulla Terra.

Potrebbero esistere altri pianeti con condizioni simili alla Terra?

Nonostante l’ossessione di Marte e di altri mondi nel Sistema Solare, gli scienziati pensano che le migliori opportunità per cercare la vita siano nei pianeti extrasolari. Il problema è la complessità di osservare direttamente questi pianeti.

Sebbene la strategia di studiare le loro atmosfere per trovare “bio-segnali” (come l’ozono nell’atmosfera terrestre, un segno indiretto di fotosintesi) sia stata adottata, gli scienziati non sono sicuri che tali forme di vita possano essere trovate, o almeno nella forma che noi conosciamo…

Perché non sappiamo se tutte le forme di vita sono le stesse. Anche sulla Terra abbiamo un esempio di questo con i tardigradi, un modo di vivere capace di sopravvivere, anche, il vuoto spaziale e ha caratteristiche nella sua composizione organica unica, che non sono viste in un’altra specie del regno animale e che continua essere un mistero per la scienza, compresa la sua formazione e lo sviluppo.

Quindi è possibile trovare diverse forme di vita nello spazio?

Certo che sì. La scienza in realtà non sa se è possibile generare forme di vita diverse da quelle conosciute, né le loro caratteristiche, o se possono svilupparsi in una misura simile o superiore alla nostra.

Tuttavia, mentre la nostra tecnologia continua ad avanzare e viene studiato il batterio extraterrestre, ci avviciniamo a una conclusione sulla vita aliena.

Andrea TosiScienzaTopAlieni,NASA,Vita extraterrestre
In tutta l'estensione della Via Lattea, secondo le informazioni raccolte da Keplero, ci sono circa un miliardo di pianeti simili alla Terra, in cui le caratteristiche potrebbero essere date per ospitare la vita extraterrestre. All'interno del nostro Sistema Solare, due missioni, una su Marte e un'altra su Plutone, hanno catturato...