Trump sconvolge l'umanità: "usciamo dagli accordi di Parigi sul Clima"

Donald Trump ha deciso di far uscire gli Usa dagli accordi di Parigi sul Clima. Il presidente degli Stati Uniti, rientrato alla Casa Bianca dopo il tour in medio oriente e in Europa, ha parlato dal Rose Garden: “Per mantenere il mio impegno solenne di proteggere i cittadini americani, gli Usa si ritirano dagli accordi di Parigi sul clima“.

Trump ha continuato l’annuncio che ha sconvolto il mondo intero afffermando che “gli Stati uniti cominceranno a negoziare un nuovo accordo. Vogliamo un Patto giusto. Se riusciremo, benissimo, altrimenti pazienza”. D’altra parte, in un documento inviato al Congresso, Donald Trump, recentemente ironizzato da Kathy Griffin con le immagini della testa decapitata del tycoon, critica l’intesa di Parigi che “impone target irrealistici per gli Usa nella riduzione delle emissioni”.

Una decisione che provocato molteplici reazioni in ogni parte del globo, soprattutto da parte di chi vede negli accordi di Parigi sul Clima come l’unica piattaforma possibile per continuare nella corretta direzione della salvaguardia della vita sul pianeta. Vediamo alcune tra le principali reazioni all’annuncio di Trump sul Clima.

L’ex presidente Obama: “Trump rifiuta il futuro”

“L’amministrazione Trump si sta unendo a una piccola manciata di nazioni che rifiutano il futuro“. Questo il primo commento dell’ex presidente Obama alla decisione di Trump, di ritirare gli Usa dall’accordo sul clima di Parigi. Obama sottolinea, come riportato da Rai News, di aver “fiducia nel fatto che gli stati, le città e le aziende faranno un passo avanti e aiuteranno a proteggere il pianeta per le future generazioni“. Con l’addio, gli Usa si uniscono a Nicaragua e Siria, unici Paesi che non hanno firmato l’intesa.

Greenpeace: “Una decisione moralmente deplorevole”.

“Uscire dagli accordi di Parigi marginalizzerà gli Usa. Una decisione moralmente deplorevole, di cui Trump si pentirà. Agire in difesa del clima non è tema di un dibattito politico, ma un imperativo per salvaguardare il Pianeta e chi lo abita”. Così Jennifer Morgan, direttore esecutivo di Greenpeace Intl. “Quasi 200 Paesi si sono impegnati due anni fa a Parigi in difesa del clima, e solamente uno ha deciso di tirarsi indietro. È evidente quanto Trump sia lontano dal resto del mondo”, dice Onufrio, direttore esecutivo Greenpeace Italia.

Jean-Claude Juncker: Trump? “Decisione gravemente sbagliata”

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha detto che la decisione del presidente Usa Trump di ritirare l’America dall’accordo di Parigi sul clima è “gravemente sbagliata”. La Commissione Ue ha comunque precisato che “il mondo può contare sull’Europa” sul clima, confermando che l’Ue resterà all’interno della sua cornice.

Così su Twitter (link) Tajani, presidente Europarlamento, sull’annuncio di Trump: “Pacta sunt servanda. E’ una questione di fiducia e leadership. Questa decisione danneggerà gli Usa e il pianeta”.

Premier Paolo Gentiloni: “Non facciamo passi indietro dall’Accordo di Parigi” (su Twitter)

Roma Parigi e Berlino insieme: “il Cop21 è irreversibile”

(La Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici, COP 21 o CMP 11 si è tenuta a Parigi, Francia, dal 30 novembre al 12 dicembre del 2015). In una dichiarazione congiunta il presidente francese Macron, la cancelliera tedesca Merkel e il premier italiano Gentiloni, hanno detto:

“Prendiamo atto con rammarico per la scelta Usa di ritirarsi dall’accordo universale sui cambiamenti climatici di Parigi che resta una pietra angolare nella collaborazione tra i nostri Paesi per affrontare efficacemente e tempestivamente i cambiamenti climatici e per attuare gli impegni previsti dalla Agenda 2030 sugli obiettivi dello sviluppo sostenibile”.

Wwf su Trump: “Uscita Usa è chiamata ad agire”

L’uscita Usa dall’accordo di Parigi “è una chiamata all’azione per governi, imprese e cittadini”. E’ la posizione del Wwf dopo l’annuncio del presidente Usa Trump. Manuel-Pulgar Vidal, leader mondiale Wwf per Clima ed Energia, ha detto che “l’accordo di Parigi è la risposta collettiva mondiale per affrontare il cambiamento climatico. Ma il potere di trasformazione dell’accordo di Parigi è negli obiettivi che attiva, e le nazioni sono reciprocamente responsabili degli impegni assunti”.

Anne Hidalgo Sindaco Parigi: “Trump commette un errore fatale”

“Ritirando gli Usa dall’accordo di Parigi, il presidente Trump commette un errore fatale”. Così su Twitter Anne Hidalgo, sindaco di Parigi e presidente del C40, un gruppo di oltre 90 città che combattono contro i cambiamenti climatici, invitando Donald Trump “a rivedere la sua decisione”. Hidalgo ha annunciato inoltre che l’Hotel de Ville di Parigi sarà illuminato di verde per ribadire “la nostra volontà di applicare l’accordo di Parigi”.

Onu: “La decisione di Trump è stata una grande delusione”

La decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dall’accordo di Parigi sul clima “è stata una grande delusione per gli sforzi globali nel ridurre le emissioni di gas serra e nel promuovere la sicurezza globale”. Il segretario Onu Guterres è “fiducioso che città, Stati e imprese Usa, insieme ad altri Paesi, continueranno a dimostrare una visione e una leadership lavorando su una crescita a bassi livelli di emissioni di carbonio che creerà lavoro di qualità e mercato per la prosperità del XXI secolo”.

La Cina è il primo produttore mondialele di gas serra, poi gli Usa

Terminiamo questa lunga carellata di commenti alla decisione di Trump di uscire dal Patto di Parigi sul Clima con alcuni dati sui produttori di gas serra nel mondo, principale causa dei cambiamenti climatici sul pianeta. La Cina è il primo produttore mondialele di gas serra col 29% delle emissioni (dati 2015); seguono gli Stati Uniti (15%) e l’Unione Europea col 10%. L’India emette il 6,3% dei gas serra (2015:+5,2%). La scelta di Trump potrebbe spingerla a rallentare il suo impegno per la loro riduzione. Grazie a investimenti su rinnovabili, nel 2015 le emissioni cinesi sono calate dello 0,7% e nel 2016 di un altro 0,5%. Gli Usa nel 2015 hanno tagliato le emissioni del 2,6% (2016: 1,7%). Le emissioni Ue, sempre scese negli ultimi 20 anni nel 2015 sono salite dell’1,4%.

Trump e la massima del giorno

Riportiamo una frase famosa di Wayne Walter Dyer, uno psicologo statunitense, noto psicoterapeuta americano, scrittore e docente. “Il livello più alto di ignoranza è quando rifiuti qualcosa del quale non sai nulla”.

Valentina ContiEsteriTopAccordo,Barack Obama,Cambio climatico,Cop21,Donald Trump,Parigi,Vertice sul Clima
Donald Trump ha deciso di far uscire gli Usa dagli accordi di Parigi sul Clima. Il presidente degli Stati Uniti, rientrato alla Casa Bianca dopo il tour in medio oriente e in Europa, ha parlato dal Rose Garden: 'Per mantenere il mio impegno solenne di proteggere i cittadini americani,...