Orrore in Canada: resti di 215 bambini trovati nel cortile del Collegio

Un macabro ritrovamento è stato fatto in Canada: i resti di 215 bambini sono stati trovati sul sito di un ex collegio per bambini di popolazioni indigene in Canada. I resti sono stati scoperti con uno speciale dispositivo sonar, ha riferito la comunità indigena Tk’emlups te Secwepemc giovedì sera. Alcuni dei bambini morti avevano solo tre anni, ha detto il leader della comunità indigena, Rosanne Casimir.

La Kamloops Indian Residential School, una delle più grandi del Paese, iniziò l’attività alla fine del 19mo secolo sotto la gestione della Chiesa cattolica.

La casa cattolica vicino alla piccola città di Kamloops è stata aperta più di cento anni fa per integrare con la forza i bambini delle popolazioni indigene nella società degli immigrati europei. La morte dei bambini non è mai stata documentata dall’amministrazione scolastica all’epoca, sebbene i membri della comunità ne abbiano denunciato la scomparsa.

Non è ancora chiaro come siano morti i bambini.

La comunità prevede di collaborare con medici legali e musei della zona per chiarire le circostanze. I risultati preliminari saranno pubblicati in un rapporto di indagine a giugno. Il ministro canadese per le relazioni con le popolazioni indigene, Carolyn Bennett, ha dichiarato su Twitter: “Mi spezza il cuore per le famiglie e le comunità colpite da questa tragica notizia“.

L’ex collegio gestito dalla Chiesa cattolica per conto del governo canadese, era una delle 139 istituzioni di questo tipo stabilite in Canada alla fine del XIX secolo. È stato aperto nel 1890 e negli anni ’50 contava fino a 500 studenti. Il collegio non è stato chiuso fino al 1969. Secondo la comunità indigena, il preside della casa di Kamloops si lamentò nel 1910 che il governo non forniva abbastanza soldi per “nutrire adeguatamente gli studenti”.

In Canada circa 150 mila bambini di indiani, meticci e inuit erano stati separati dalle loro famiglie e dalla loro cultura e messi sotto costrizione nelle case delle chiese per costringerli ad adattarsi alla società a maggioranza bianca. Molti di loro sono stati maltrattati o abusati sessualmente nelle case. Almeno 3200 sono morti, la maggior parte di tubercolosi.

Molte comunità indigene ora incolpano le famiglie che hanno plasmato intere generazioni di problemi sociali come l’alcolismo, la violenza domestica e l’aumento dei tassi di suicidio. Ottawa, si è ufficialmente scusata con i sopravvissuti al collegio nel 2008. Nel 2015, una commissione d’inchiesta ha scoperto che erano vittime di un “genocidio culturale“.

Federica SantoniEsteriTopBambini,Canada,Chiesa cattolica,Collegio,Genocidio culturale,Indigeni,Ottawa
Un macabro ritrovamento è stato fatto in Canada: i resti di 215 bambini sono stati trovati sul sito di un ex collegio per bambini di popolazioni indigene in Canada. I resti sono stati scoperti con uno speciale dispositivo sonar, ha riferito la comunità indigena Tk'emlups te Secwepemc giovedì sera....