Venezia, due mani la sostengono e proteggono dai cambiamenti climatici

A Venezia sono apparse due mani giganti nel Canal Grande. Emergono impietose a sostenere le mura della facciata di Palazzo Morosini Sagredo, a Venezia, anche noto come Ca’ Sagredo, che sta ipoteticamente sprofondando nell’acqua venenziana.

L’installazione d’arte è dell’artista italiano Lorenzo Quinn e si chiama “Support”. L’originale opera d’arte è stata allestita in occasione della Biennale Venezia 2017, la 57esima Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.

Il messaggio che vuole trasmettere Lorenzo Quinn è molto diretto: “I cambiamenti climatici minacciano gravemente Venezia che entro il secolo potrebbe davvero essere a rischio”. Perché “le mani hanno così tanto potere. Il potere di amare e di odiare, di creare e di distruggere”, ha dichiarato Quinn.

Support” punta le luci su una società resa fragile dalla reale minaccia provocata dai cambiamenti climatici. Le mani simboleggiano quindi il ruolo fondamentale che gli esseri umani possono ricoprire nel sostenere (o meno) un patrimonio unico come Venezia.

Secondo Lorenzo Quinn: “Venezia è una città d’arte galleggiante che da secoli ispira cultura. Per continuare a farlo però necessita del supporto della nostra e delle future generazioni perché è minacciata dai cambiamenti climatici e dal degrado”.

Le gigantesche mani di Lorenzo Quinn in Canal Grande a Venezia, hanno attirato l’attenzione anche di PlayGround Magazine con oltre 13 milioni di fan su Facebook. Ha presentato la scultura di Lorenzo Quinn con uno dei suoi short video che tanto piacciono nel social network.

Manos que emergen para salvar la ciudad. Venecia pide auxilio.

Publié par PlayGround sur jeudi 18 mai 2017

Lorenzo Quinn è uno scultore specializzato in mani. Qui sotto lo possiamo ammirare in un’altra sua opera affascinante.

Federica SantoniLifeStyleTopArte,Biennale,Venezia
A Venezia sono apparse due mani giganti nel Canal Grande. Emergono impietose a sostenere le mura della facciata di Palazzo Morosini Sagredo, a Venezia, anche noto come Ca’ Sagredo, che sta ipoteticamente sprofondando nell'acqua venenziana. L'installazione d'arte è dell'artista italiano Lorenzo Quinn e si chiama “Support”. L'originale opera d'arte è...