Ricerca Shock: Le statine possono causare malattie cardiache

Al contrario di quanto si crede sulle statine come mezzo di prevenzione dell’aterosclerosi, un recente studio shock, pubblicato sull’Expert Review of Clinical Pharmacology, ha presentato una prospettiva comepltamente differente. Le statine possano causare la calcificazione delle arterie coronarie e possono funzionare come tossine mitocondriali che alterano la funzione muscolare nel cuore e nei vasi sanguigni attraverso la deplezione del coenzima Q10 e dell'”eme A”, e quindi la genesi di ATP.

Secondo il dr Harumi Okuyama e il suo team di ricerca, autori dello studio, le statine inibiscono la sintesi di vitamina K2, il cofattore per l’attivazione delle proteine Gla della matrice, che a loro volta proteggono le arterie dalla calcificazione. Le statine inibiscono la sintesi delle proteine contenenti selenio, una delle quali è la glutatione perossidasi che sopprime lo stress ossidativo. Un’alterazione della sintesi delle selenioproteine può essere uno dei fattori in gioco nell’insufficienza cardiaca congestizia, come nelle cardiomiopatie dilatatorie in corso di deficienza di selenio.

Il dr Harumi Okuyama ha dichiarato che “l’epidemia di malattie cardiovascolari può essere paradossalmente aggravata dall’uso pervasivo delle statine“. A sostegno dei risultati della ricerca è sceso in campo anche il dr Peter Langsjoen, cardiologo  statunitense, che è co-autore dello studio: “gli effetti a lungo termine sono devastanti”.

Il ruolo delle statine, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sarebbe principalmente quello di prevenire i problemi cardiovascolari, attacchi di cuore e via discorrendo. Lo farebbero controllando e riducendo i livelli di colesterolo nel sangue. Ma secondo recenti ulteriori studi le statine non sarebbero quei farmaci miracolosi che ci hanno indotto a credere e, anzi, non sono neanche così sicure.

Che le statine abbassino il colesterolo è indubbio. Ma quello che è dubbio, secondo i ricercatori, sono gli esiti sulla salute cardiovascolare, che non sarebbero così scontati. Alcuni scienziati ritengono difatti che le statine non sono sostanzialmente riuscite a migliorare gli esiti cardiovascolari. Ma, cosa ancora più grave, è che molti studi che hanno avallato l’efficacia delle statine hanno trascurato i numerosi gravi effetti collaterali negativi di questi farmaci. E, in più, i sostenitori delle statine avrebbero usato quello che gli autori chiamano «inganno statistico» per fare affermazioni gonfiate sulla loro efficacia. Pertanto, alla luce di questo nuovo studio, la nostra associazione propone che le linee guida per il suo impiego vengano riviste.

Andrea TosiSaluteTopArterie coronarie,Aterosclerosi,Colesterolo,Selenio,Statine,Tossine mitocondriali
Al contrario di quanto si crede sulle statine come mezzo di prevenzione dell'aterosclerosi, un recente studio shock, pubblicato sull'Expert Review of Clinical Pharmacology, ha presentato una prospettiva comepltamente differente. Le statine possano causare la calcificazione delle arterie coronarie e possono funzionare come tossine mitocondriali che alterano la funzione muscolare...