Codice della strada: Comuni dovranno pubblicare utilizzo proventi multe stradali

  • Consumerismo: finalmente garantita trasparenza. Comuni non potranno più dirottare proventi sanzioni per colmare buchi di bilancio. Soldi vanno destinati a sicurezza stradale.
  • Pronti a raffica di denunce contro le amministrazioni che non si atterranno alle nuove disposizioni.

Esulta Consumerismo No profit per l’approvazione degli emendamenti al Dl Infrastrutture da parte delle Commissioni riunite Ambiente e Trasporti, che porteranno ad importanti novità in tema di trasporti.

In particolare l’obbligo per i Comuni di pubblicare sul proprio sito web, entro il 30 giugno di ogni anno, una relazione sulla somma incassata nell’anno precedente dalle

violazioni del Codice della strada e sul modo con cui queste somme sono state utilizzate, rappresenta una vera e propria rivoluzione – spiega Consumerismo – Negli anni abbiamo assistito alla illegittima prassi da parte delle amministrazioni di utilizzare i proventi delle multe stradali per colmare i buchi di bilancio, dirottando fondi che il Codice della strada stabilisce debbano essere utilizzati per la sicurezza stradale.

Gli emendamento approvati ieri porranno fine a tali abusi, e imporranno ai comuni di garantire trasparenza ai cittadini.

“Ringraziamo l’On. Simone Baldelli, promotore degli emendamenti, per aver sostenuto tale importante novità a favore degli utenti – afferma il presidente Luigi Gabriele – e siamo pronti ad una raffica di denunce contro i Comuni che, da quando diverranno operative le nuove disposizioni, non si atterrano all’obbligo di rendere pubblico l’uso dei proventi delle sanzioni”.

Federica SantoniItaliaTopCodice della strada,Consumerismo,Multe Auto,Multe in tempo reale
Consumerismo: finalmente garantita trasparenza. Comuni non potranno più dirottare proventi sanzioni per colmare buchi di bilancio. Soldi vanno destinati a sicurezza stradale. Pronti a raffica di denunce contro le amministrazioni che non si atterranno alle nuove disposizioni. Esulta Consumerismo No profit per l’approvazione degli emendamenti al Dl Infrastrutture da...