Bambina ricoverata in Ospedale a Genova per denutrizione

L’Ansa ha riportato la notizia con il titolo “Bimba figlia vegani ricoverata a Genova“. Al primo acchito uno pensa che essere vegani ti può portare ad essere ricoverato in ospedale. E infatti nelle reti sociali è scoppiato il caso del “fondamentalismo alimentare“. Accuse generalizzate e senza fondamento. È un luogo comune, infatti, pensare che diventare vegetariani o vegani, comporta un disequilibrio alimentare. Pura leggenda. I luoghi comuni fanno male allo spirito. Diamo il beneficio del dubbio e continuamo a leggere l’articolo dell’Ansa.

Bambina ricoverata in ospedale a Genova

Il sottotitolo recita “Sotto peso e con problemi nei movimenti“. Niente da fare. Sembra proprio non esserci via di scampo per chi non mangia carne. La notizia riguarda una bambina di poco meno di tre anni che è stata ricoverata in gravi condizioni all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova “sotto peso e con scarsa reattività”. La piccola è stata trasferita nel reparto di normale degenza dopo una decina di giorni in rianimazione. L’Ansa punta il dito sul fatto che al momento del ricovero, alla bambina “sono state riscontrate forti carenze di vitamina B12, movimenti rallentati e un livello di emoglobina bassissimo”.

L’accusa diretta al vegetarianismo o al veganismo

L’accusa diretta al vegetarianismo o al veganismo è nella frase successiva. “I genitori sono vegani ed hanno deciso di far seguire alla figlia il loro stesso regime alimentare che esclude alimenti di origine animale. La coppia ha portato la figlia al Gaslini su indicazione della Asl nell’estremo ponente ligure dove vivono. La bimba si starebbe riprendendo ma dovrà essere sottoposta a esami per verificare se abbia subito danni neurologici per la carenza di B12. Sarebbe questo il primo caso di bimbo sottoposto a dieta vegana ricoverato al Gaslini. Il caso, come da prassi, è stato segnalato ai servizi sociali“.

Pure il Corriere della Sera su twitter compone un tweet che è tutta una “accusa velata”. Alla notizia allega un foto “vegan”.

Ci sono modi e modi di raccontare la notizia

Ora, davanti ad una notizia scritta in questo modo, ci sentiamo il dovere di attirare l’attenzione e di fare un richiamo. Non mangiare carne, essere vegetariano o vegano, non comporta alcuna scompensazione al nostro organismo. L’argomento è molto diffuso ai giorni nostri, tanto che sempre più persone decidono di smettere di mangiare la carne. Persino l’Oms ha evidenziato nei mesi scorsi come alcuni alimenti sono stati inclusi nella categoria a rischio tumore, e tra questi proprio la carne rossa. Oggi nel mondo i vegetariani sono in continuo e forte aumento. C’è chi sostiene persino che, a causa del cambio climatico, sarebbe meglio smettere di mangiare carne.

Nel caso specifico della bambina ricoverata a Genova, sarebbe interessante andare a vedere cosa effettivamente mangiava. Sarebbe bello leggere la dieta effettiva alla quale era sottoposta la bambina. Facile fare un articolo puntando il dito, senza approfondire prima con tutti i dati e tutte le fonti. Anche noi a volte ci caschiamo, è umano. Però in questi casi è doveroso evidenziare come le cause possono essere differenti. Generare nel lettore una critica aperta e non manipolare la notizia per obbligarlo a credere ad una cosa. Il lettore deve avere sempre la libertà di regalare il benificio del dubbio.

Se volete aprire un dibattito sulla questione, potete farlo nel nostro account ufficiale di Facebook. Ad esempio, se decidiamo di cambiare e seguire una nuova dieta, non necessariamente sia questa vegana o vegetariana, sarebbe molto meglio andare prima da un dietologo. Una persona specializzata nel tema che possa aiutarci a mantenere una corretta e equilibrata alimentazione per il tipo di attività che facciamo durante il giorno. Una dieta ad ogni stile di vita insomma.

Federica SantoniCronacaTopBambina ricoverata,Denutrizione,Dieta,Genova,Veganismo,Vegetarianismo
L'Ansa ha riportato la notizia con il titolo 'Bimba figlia vegani ricoverata a Genova'. Al primo acchito uno pensa che essere vegani ti può portare ad essere ricoverato in ospedale. E infatti nelle reti sociali è scoppiato il caso del 'fondamentalismo alimentare'. Accuse generalizzate e senza fondamento. È un...