Aumento dei prezzi dei carburanti, furti dalle auto in soste e dalle barche

Lo scandaloso e vertiginoso aumento dei prezzi dei carburanti in assenza della benché minima contromossa del Governo sta causando lo schizzare anche dell’inflazione e, quindi, di tutti i prezzi con la conseguenza che la crisi già acuita dai due anni di emergenza pandemica è divenuta insopportabile per la gran parte degli italiani.

Mentre c’è chi resta letteralmente a piedi o riduce i chilometri di percorrenza a bordo dei propri veicoli a combustione c’è chi anche s’improvvisa “ladro” di benzina o gasolio per il proprio utilizzo o anche per rivenderlo.

Si moltiplicano, infatti, i furti di carburante dalle auto in sosta, specialmente nelle ore notturne e addirittura dalle barche.

C’è chi si è messo alla guida della propria autovettura e quando è ripartito si è visto con l’indicatore del serbatoio in giallo senza altre spiegazioni plausibili se non quella dell’estrazione furtiva perché i più esperti sono quasi in grado di non lasciare quasi traccia.

Un fenomeno in crescita esponenziale che è in diretta connessione con l’aumento dei prezzi alla colonnina, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che è la crisi economica a foraggiare. Si tratta di un’escalation da non sottovalutare da parte delle forze dell’ordine anche perché a pagare sono sempre ignari cittadini.

Le pene per il furto di carburante

Ricordiamo anche per coloro che si dovessero far “tentare” da queste condotte, che questo tipo di furto è ritenuto “aggravato” ai sensi dell’articolo 625 del codice penale e pertanto procedibile d’ufficio con pene da 2 a sei anni e della multa da euro 927 a euro 1500 mentre chi viene trovato a in possesso senza poter fornire una spiegazione lecita rischia il non meno grave deferimento per ricettazione, reato punito dall’articolo 648 del codice penale  con la reclusione da due ad otto anni e con la multa da euro 516 a euro 10.329.

Federica SantoniCronacaTopBenzina,Carburanti,Furto,Gasolio,Inflazione,Sportello dei Diritti
Lo scandaloso e vertiginoso aumento dei prezzi dei carburanti in assenza della benché minima contromossa del Governo sta causando lo schizzare anche dell’inflazione e, quindi, di tutti i prezzi con la conseguenza che la crisi già acuita dai due anni di emergenza pandemica è divenuta insopportabile per la gran...