eruzione vulcano islandese

VULCANO ISLANDA – L’Ufficio meteorologico islandese ha riportato che il rischio di un’eruzione vulcanica sulla penisola di Reykjanes, in Islanda, sta aumentando poiché il magma continua ad accumularsi nell’area. Attualmente, circa 318 milioni di piedi cubi di magma si trovano sotto Svartsengi. Ciò corrisponde a circa 3.600 piscine olimpioniche. Cinque giorni fa, il volume del magma era di 230 milioni di piedi cubi. L’IMO ha già avvertito che il vulcano è pronto per eruttare di nuovo. Si stima che prima dell’eruzione del 14 gennaio si siano accumulati tra 318 e 460 milioni di piedi cubi di magma nella stessa camera.

Il suolo ha cominciato a elevarsi di nuovo dopo l’eruzione e continua ad aumentare man mano che la roccia fusa si accumula sotto la superficie, anche se il ritmo si è rallentato recentemente, come affermato dall’IMO. Questo modello è simile ai movimenti di terra registrati nelle settimane e nei giorni precedenti all’eruzione del 14 gennaio e a una precedente eruzione nel dicembre 2023.

I rappresentanti dell’IMO hanno scritto che ci sono maggiori probabilità di flussi di magma ed eruzioni nei prossimi giorni o settimane.

Non si può prevedere quando e dove avverrà un’eruzione

Una mappa dei pericoli pubblicata dall’IMO mostra le zone considerate a maggior rischio, con un corridoio che si estende da Grindavík a sud fino a Stóra-skógafell a nord-est. Svartsengi, dove si accumula il magma, ha un rischio molto basso di eruzione vulcanica. Tuttavia, le misurazioni di temperatura e pressione effettuate nei pozzi di Svartsengi potrebbero dare un avvertimento di un’eventuale eruzione imminente.

Lilja Magnúsdóttir, direttrice della gestione delle risorse presso la centrale geotermica HS Orka a Svartsengi, ha affermato che c’è stato un aumento significativo della pressione nei pozzi prima dell’intrusione della diga il 10 novembre. Un aumento simile di pressione è stato registrato anche prima dell’eruzione del 18 dicembre, avvertendo il personale della possibilità che un’altra intrusione nella diga potesse portare a un’eruzione. “Circa 40-50 minuti dopo, è esplosa”, ha detto Magnúsdóttir. “Abbiamo quindi creato un programma automatico per rilevare questo segnale. Se viene attivato un avviso, il programma invia un’email di avviso al nostro turno presso HS Orka e all’Ufficio meteorologico islandese.”

Il programma ha emesso un avviso nelle prime ore del 14 gennaio, prevedendo un’eruzione quattro ore e 20 minuti dopo, ha dichiarato Magnúsdóttir. Grazie a un netto cambiamento di pressione sul confine meridionale del serbatoio geotermico, è stato anche possibile prevedere che l’eruzione sarebbe scoppiata più a sud rispetto a quella precedente.

Valentina ContiEsteriTopEruzione vulcanica,Grindavik Islanda,Islanda,Placca tettonica,Previsioni Terremoti,Sciame Sismico,Sentito il Terremoto,Terremoti,Terremoto,Terremoto Islanda,Terremoto Oggi,Ultima Ora Terremoto,Ultime Notizie Terremoto,Vulcani,Vulcano
VULCANO ISLANDA - L'Ufficio meteorologico islandese ha riportato che il rischio di un'eruzione vulcanica sulla penisola di Reykjanes, in Islanda, sta aumentando poiché il magma continua ad accumularsi nell'area. Attualmente, circa 318 milioni di piedi cubi di magma si trovano sotto Svartsengi. Ciò corrisponde a circa 3.600 piscine olimpioniche....