Un nuovo studio ha scoperto che essere vaccinati contro COVID-19 sembra aver influito sul ciclo mestruale, con la durata del ciclo in aumento di quasi un giorno rispetto a quelli non vaccinati contro il virus. I risultati provengono da uno studio finanziato dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista accademica Obstetrics & Gynecology.

Sebbene siano state condotte ricerche approfondite sugli effetti del vaccino COVID-19 sulla fertilità, i suoi effetti sul ciclo mestruale sono stati molto meno studiati, nonostante le ampie segnalazioni di persone con cicli mestruali insoliti dopo la vaccinazione. Nonostante ciò, altri studi hanno concluso che nessun cambiamento indicato è risultato pericoloso.

Per capire in che modo il vaccino ha influito sul ciclo mestruale, i partecipanti hanno utilizzato l’app di monitoraggio della fertilità, Natural Cycles. I dati prelevati da coloro che hanno ricevuto il vaccino, per lo più i vaccini Pfizer e Moderna, hanno coperto tre cicli consecutivi prima di vaccinarsi e altri tre consecutivi, incluso quando è avvenuta la vaccinazione.

I dati dei partecipanti non vaccinati coprivano sei cicli consecutivi. La prima dose del vaccino sembrava correlare con l’allungamento del ciclo di 0,71 giorni. La seconda dose l’ha vista correlata a un aumento di 0,91 giorni di lunghezza. Tuttavia, va notato che mentre ciò significava che il ciclo stesso sembrava essersi allungato, il numero di giorni di sanguinamento no. Il ciclo mestruale mensile negli esseri umani tende a variare leggermente tra i mesi.

Tuttavia, secondo la Federazione Internazionale di Ginecologia e Ostetricia, una variazione di lunghezza è normale purché sia ​​inferiore a otto giorni. In quanto tale, questa variazione rientra nei limiti della normalità. Inoltre, nei cicli successivi, questo cambiamento successivo alla somministrazione del vaccino non era più presente. Ciò sembra indicare che se questo breve aumento della durata del ciclo è causato dal vaccino, è molto temporaneo.

“È rassicurante che lo studio abbia riscontrato solo un piccolo cambiamento mestruale temporaneo nelle donne”, ha spiegato in una dichiarazione Diana W Bianchi, MD, direttrice dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) del NIH.

“Questi risultati offrono, per la prima volta, l’opportunità di consigliare alle donne cosa aspettarsi dalla vaccinazione COVID-19 in modo che possano pianificare di conseguenza”.

Questo è importante, poiché molti avevano espresso preoccupazione per il fatto che il vaccino avesse un impatto significativo e negativo sul ciclo mestruale poiché l’introduzione del vaccino è diventata più diffusa in tutto il mondo. I risultati rappresentano un’opportunità per esplorare gli effetti dei vaccini sul ciclo mestruale.

Tuttavia, c’è ancora molto lavoro da fare, poiché gli effetti del vaccino su aspetti del ciclo mestruale oltre alla lunghezza, come il dolore, l’impatto sull’umore e la pesantezza del flusso, sono in gran parte inesplorati. Infine, non vi è alcuna indicazione che il vaccino possa in alcun modo rappresentare un rischio o pericolo significativo per il ciclo mestruale.

Andrea TosiSaluteTopBenessere delle donne,Ciclo mestruale,Covid-19,Donne,Vaccino Coronavirus
Un nuovo studio ha scoperto che essere vaccinati contro COVID-19 sembra aver influito sul ciclo mestruale, con la durata del ciclo in aumento di quasi un giorno rispetto a quelli non vaccinati contro il virus. I risultati provengono da uno studio finanziato dal National Institutes of Health (NIH) degli...