Protesta contro Uber Taxi in Argentina durante la visita di Obama

BUENOS AIRES (ARGENTINA) – È un ex stratega del presidente Obama a comandare l’espansione di Uber Taxi nel mondo. La società ha fatto parte dell’entourage del presidente degli Stati Uniti nel suo ultimo viaggio in Argentina. Ecco chi è David Plouffe, l’uomo che guida la globalizzazione della app. In Argentina, i tassisti resistono e il conflitto che si sono verificati in diversi paesi ripetuti. Uber sembra essere una delle prime conseguenze della visita di Barack Obama in Argentina. La società statunitense è una delle aziende che sono cresciute di più al mondo negli ultimi mesi. I rappresentanti dell’applicazione taxi che vogliono entrare nel mercato argentino hanno fatto parte della delegazione ufficiale del presidente degli Stati Uniti. Come tali, hanno partecipato alla riunione con gli imprenditori che la Camera di Commercio Americana in Argentina ha organizzato a La Rural.

Un ex uomo chiave di Obama promuove Uber Taxi in tutto il mondo

David Plouffe, uno stratega democratico ed ex consigliere del presidente, ha accettato di aderire alla società lo scorso anno per espandere l’azienda a livello globale e, quindi, la sua carriera ha preso una piega inaspettata. Plouffe era il direttore della campagna presidenziale di Obama nel 2008 ed è stato uno dei suoi principali consiglieri tra il 2011 e il 2013. Dopo l’elezione, ha lasciato la Casa Bianca per consigliare le aziende di telecomunicazioni. L’azienda Uber è uno dei simboli di innovazione americana e collega passeggeri e conducenti di tutto il mondo. Compete con i taxi e le agenzie di limousine e il suo prossimo atterraggio in Argentina sembra imminente. Anche se i taxisti resistono, Uber sta reclutando personale da gennaio di quest’anno per iniziare le sue attività nel paese sudamericano.

Uber genera polemiche e posti di lavoro

L’applicazione (su Google Play e Apple Store) ha generato polemiche in diversi paesi come Spagna, Colombia (importante successo in questo paese), Messico, Costa Rica, Germania, solo per citare alcuni esempi. La Francia sta studiando un progetto per legalizzarla, e il Regno Unito è l’unico paese al di fuori degli Stati Uniti dove il business è già legale. Il principale argomento contro Uber mosso dai tassiti è la concorrenza slealein quanto l’attività in molti paesi non è regolata formalmente. Il rovescio della medaglia è la difesa del consumatore e il servizio: si paga solo con carta di credito e a dei prezzi vantaggiosi, oltre alla cordialità del chofer e alla pulizia dell’autovettura (auto privata del chofer). Cosa succederà in Argentina dove c’è stata una grande protesta dei tassisti? Non manca molto per scoprirlo.

Valentina ContiEsteriTopArgentina,David Plouffe,Taxi,Uber
BUENOS AIRES (ARGENTINA) - È un ex stratega del presidente Obama a comandare l'espansione di Uber Taxi nel mondo. La società ha fatto parte dell'entourage del presidente degli Stati Uniti nel suo ultimo viaggio in Argentina. Ecco chi è David Plouffe, l'uomo che guida la globalizzazione della app. In...