Truffe Online: l'ultimo raggiro con i Falsi Bonici Bancari

Bisogna sempre stare con gli occhi attenti soprattutto quando siamo connessi a internet. Nella quotidiana attività dello “Sportello dei Diritti” di segnalazione anche sulle truffe online cui ogni giorno rischiamo di essere sottoposti attraverso i nostri contatti e account, l’associazione informa che ieri è stata pubblicato dalla Polizia di Stato tramite un post in Facebook su “Commissariato di PS On Line – Italia” l’invito a prestare attenzione ad uno dei messaggi che può pervenire sulle nostre caselle di posta elettronica.

Questo il testo dell’allerta della Polizia Postale:

FINTO BONIFICO. Questo che vi mostriamo è il documento attestante un finto bonifico a vostro favore da parte di un acquirente straniero. Ben confezionato e bello nella grafica ma sempre falso. Cautela nella navigazione che l’inganno è dietro l’angolo”.

Il modo migliore per difendersi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è quello di non rispondere mai a questi messaggi palesemente strani e quindi di non cliccare sui link cui solitamente conducono o rispondere alle richieste di dati bancari o sensibili.

Il problema che molte imprese e professionisti che attendono bonifici bancari anche dall’estero spesso, a causa della mole delle proprie operazioni e attività bancarie, possono cascarci. Bisogna, quindi, solo prestare più attenzione e accertarsi sempre della provenienza del messaggio.

Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgersi agli esperti dell’associazione “Sportello dei Diritti” tramite i contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso.

Federica SantoniCronacaTopBonifico Bancario,Polizia Postale,Truffa email,Truffa informatica,Truffe On Line
Bisogna sempre stare con gli occhi attenti soprattutto quando siamo connessi a internet. Nella quotidiana attività dello “Sportello dei Diritti” di segnalazione anche sulle truffe online cui ogni giorno rischiamo di essere sottoposti attraverso i nostri contatti e account, l'associazione informa che ieri è stata pubblicato dalla Polizia di...