Napoli è bella anche con il terremoto.

Sono bastate quattro leggere scosse di terremoto a Napoli per scatenare oggi il finimondo su Twitter. Alle 9:37 di questa mattina la prima scossa di una serie da quattro (per tale motivo molti media lo hanno chiamato sciame sismico) di mangitudo M2,2 gradi. Alle 9:54 la seconda di magnitudo M2,0. Alle 10:13 la terza di M2,3. Alle ore 11:10 la piu’ forte delle quattro scosse: M2,5.

La sala operativa INGV-OV di Napoli (INGV Terremoti) ha individuato nelle coordinate geografiche (lat, lon) 40,83 14,15 (guarda la mappa) la scossa piu’ forte di M2,5 con un ipocentro alla profondità di 3 km, relativamente vicino alla superficie quindi. Per questo motivo e’ stato sentito il terremoto in ampie zone attorno all’epicentro del sisma: Pozzuoli, Quarto, Bacoli, Marano di Napoli, Monte di Procida, Napoli, Calvizzano, Mugnano di Napoli, Qualiano, tra qulle all’interno di un raggio di 10 Km dall’epicentro.

In tutto sono stati qualche decina gli eventi sismici che da questa mattina hanno interessato l’area dei Campi Flegrei, a Napoli. Questo il commento del direttore dell’Osservatorio Vesuviano “A partire dalle ore 07:20 GMT (9:20 ora locale) è stata registrata attività sismica in forma di sciame nell’area dei Campi Flegrei. Al momento il numero di eventi è di 31. La magnitudo massima è pari a 2,5. L’area interessata dallo sciame è quella di Pisciarelli-Solfatara. Le profondità degli eventi sono comprese tra i 2 e i 3 km sotto il livello del mare”.

Lo sciame sismico di oggi a Napoli è stato ben avvertito dalla popolazione e non pochi residenti sono scesi in strada per la paura. Sono state sospese anche le attività didattiche del Politecnico di Napoli, mentre alcune banche e uffici pubblici hanno fatto uscire i clienti. Alcuni testimoniano addirittura di essere stati spostati dall’interno delle loro abitazioni dalla forza delle scosse. Guardia il video di YouReport.

Ben presto su Twitter sono cominciate le pubblicazioni di messaggi da taluni definiti “razzisti“. Problema atavico che si ripresenta ogni volta che al centro dei media arriva Napoli con tutta la sua bellezza. Diventando “tendenza” con l’hashtag #terremoto, poi, l’argomento ha preso vigore stimolando l’ignoranza di alcune persone (e la saggezza di altre) con messaggi non gradevoli anche sui migranti. Alcuni invocavano persino il ritorno dell’eruzione del Vesuvio del 79 dC. Tendenza che e’ stata prontamente soffocata dall’arrivo di numerosi messaggi contro questo ridicolo atteggiamento. Di seguito 3 tweet selezionati.

Federica SantoniMeteo TerremotiTopINGV,Napoli,Pozzuoli,Sentito il Terremoto,Terremoto,Terremoto Napoli,Twitter
Sono bastate quattro leggere scosse di terremoto a Napoli per scatenare oggi il finimondo su Twitter. Alle 9:37 di questa mattina la prima scossa di una serie da quattro (per tale motivo molti media lo hanno chiamato sciame sismico) di mangitudo M2,2 gradi. Alle 9:54 la seconda di magnitudo...