Terremoto Ecuador: 570 morti tra cui un ristoratore italiano e nuove scosse M6

Aggiornamento terremoto Ecuador ore 07:00 22/4/2016. Secondo un nuovo bilancio ufficiale diffuso dalla Procura del paese sudamericano, il bilancio delle vittime sarebbe di 570 persone morte. Tra queste anche un italiano: si chiama Pasquale Bruzzese, ristoratore sessantacinquenne originario della provincia di Latina, che viveva stabilmente in Ecuador. Un paio d’ore fa ancora una serie di scosse di terremoto hanno colpito l’Ecuador. La più forte di queste una di magnitudo M6 alle ore 03:03 UTC, le altre due di M5,8 e M5. L’USGS ha individuato l’epicentro ad una trentina di chilometri a NNW di Bahia de Caraquez, 224 Km W di Quito. Il terremoto è stato sentito distintamente fino a Cuenca, a 333 Km SE dall’epicentro, durato, secondo i testimoni, una quindicina di secondi. Nella foto sopra il salvataggio di un cagnolino rimasto sotto le macerie del precedente terremoto di M7,8 di sabato scorso.

***

Aggiornamento terremoto Ecuador ore 01:00 19/4/2016. Un bilancio delle vittime che non finisce mai quello provocato dal sisma definito come “la peggior tragedia occorsa all’Ecuador negli ultimi 67 anni“. Le autorità ecuadoriane hanno confermato che il bilancio è salito adesso a 413 persone morte e 2527 feriti, oltre ai notevoli danni sofferti in differenti parti  del paese. In Ecuador si sono susseguite qualcosa come 330 repliche di terremoto dal sisma avvenuto sabato.

***

Aggiornamento terremoto Ecuador ore 05:45 18/4/2016. 272 vittime e oltre 2527 feriti. Il vicepresidente dell’Ecuador, Jorge Glas, ha rettificato la nuova cifra sul bilancio delle vittime (che resta provvisorio ed è destinato a salire) e ha chiesto che le peronse non facciano rientro nelle abitazioni la cui integrità strutturale sia stata messa a rischio dopo il terremoto. Ultima notizia: tutte le chiamate a telefoni fissi o cellulare via Skype in Ecuador saranno gratuite nei prossimi giorni.

***

Ultime notizie Terremoto M7,8 in Ecuador: 272 vittime e 2527 feriti, chiamate Skype gratis

Aggiornamento terremoto Ecuador ore 18:15 17/4/16. 233 vittime e oltre 1500 feriti. Questo il tragico bilancio ufficiale del tremendo sisma M7,8 occorso oggi in Ecuador, sentito anche in Colombia e Perù, e al quale sono seguite un centinaio di repliche. inqueste ore si sta vivendo una grande mobilitazione di massa dei cittadini per aiutare nelle ricerche di ulteriore persone intrappolate nei crolli degli edifici e per apportare la prima assistenza per chi non ha più una casa dove dormire.

***

Terremoto M7,8 in Ecuador: bilancio grave con il passare delle ore, nuova scossa M5,6

Aggiornamento terremoto Ecuador ore 9:55 17/4/16. Sono quasi 80 le vittime del sisma in Ecuador con 600 feriti. Lo annuncia il vice presidente del Paese, Glas, citato dalla Bbc on line. I soccorritori non hanno ancora raggiunto alcune zone vicine all’epicentro del sisma. Come già ricordato nei minuti successivi al sisma, la zona più colpita è quella sulla costa nella provincia di Esmeraldas. Il forte sisma ha fatto tremare anche il Nord del Perù e si è sentito con forza anche nel settore meridionale della Colombia, Bogotà compresa. Alle 7:14 UTC, le 9:14 italiane, una nuova scossa di magnitudo M5,6 ha colpito il paese, questa volta più a sud rispetto al precedente epicentro.

***

Terremoto M7,8 in Ecuador: oltre 40 morti e ingenti danni, rientra allarme tsunami

Aggiornamento terremoto Ecuador ore 7:30 17/4/16. Si aggrava il bilancio delle vittime del terremoto di magnitudo 7,8 verificatosi in Ecuador: i morti sono saliti a 41 e si teme che sia un numero che possa aggravarsi ulteriormente. Rientrato l’allarme tsunami. Molti paesi internazionali stanno inviando la loro solidarietà al popolo dell’Ecuador.

***

Terremoto M7,8 in Ecuador del 17 aprile 2016

Aggiornamento ore 5:15 17/4/16. Caos e panico in Ecuador in seguito al violento terremoto. Il vicepresidente dell’Ecuador, Jorge Glas Espinel, ha informato la stampa della morte di almeno 28 persone. I danni più importanti nella città di Guayaquil dove è crollato un cavalcavia. Dichiarato lo stato di emergenza in sei province. Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha espresso la sua solidarietà all’Ecuador attraverso il suo account Twitter, informando che è stato attivato il numero di telefono 01800010410 per assistere i colombiani residentei nel vicino paese.

***

Una violenta scossa di terremoto è stata appena registrata vicino alle coste dell’Ecuador. Alle ore 23:58 UTC, quando cioè in Italia erano le 01:58 di domenica 17 aprile, la terra ha tremato con un magnitudo che USGS indica inzialmente di M7,4 e che dopo 50 minuti ha corretto a magnitudo M7,8. Epicentro nelle coordinate geografiche 0.371°N 79.940°W (guarda la mappa) con ipocentro a 19 Km di profondità.

L’epicentro è stato localizzato in Ecuador, nella Boca de Cojimies, a 14 Km NNW della località di Pedernales, 27 Km di Muisne e 170 Km WNW di Quito. Si stanno effettuando evacuazioni in diversi edifici e centri commerciali in tutto il paese. Il sisma è stato sentito anche in Colombia.

Le autorità locali hanno lanciato un allerta tsunami locale dopo che il “Centro Tsunami del Pacifico” ha emesso questa nota dove segnala la possibilità di onde anomali in un raggio di 300 Km dall’epicentro che interessa anche le coste colombiane.

Persone ubicate a 180 Km dall’epicentro affermano che il sisma è durato molto tempo e che “sembrava di stare nell’oceano”. Un testimone di Bogotá in Colombia, a oltre 800 Km di distanza dall’epicentro, afferma che il terremoto è durato parecchi secondi e “si è sentito forte”.

Danni alle strutture in Ecuador dopo il terremoto M7,8 di oggi

Danni causati dal terremoto in Ecuador

Valentina ContiEsteriTopEcuador,Guayaquil,Terremoto,Terremoto Ecuador,Tsunami
Aggiornamento terremoto Ecuador ore 07:00 22/4/2016. Secondo un nuovo bilancio ufficiale diffuso dalla Procura del paese sudamericano, il bilancio delle vittime sarebbe di 570 persone morte. Tra queste anche un italiano: si chiama Pasquale Bruzzese, ristoratore sessantacinquenne originario della provincia di Latina, che viveva stabilmente in Ecuador. Un paio...