Rojadirecta, tribunale di Milano dà ragione a Mediaset: su Fastweb oscurato il sito pirata per le partite di calcio.

Altro duro colpo al streaming calcio illegale in Italia, in particolare a Rojadirecta. Mediaset fa sapere in un anota che il Tribunale di Milano ha ordinato ad un importante fornitore italiano di connessione internet (sembra essere Fastweb) di bloccare a tutti i suoi clienti l’accesso al famoso sito internet Rojadirecta, in particolare al al dominio it.rojadirecta.eu, il quale “trasmette partite di calcio in streaming violando il copyright dei match di Serie A e Champions League”. Stessa azione chiesta in Spagna da Mediapro e Canal+.

Quelli di Mediaset sono contenti: “abbiamo ottenuto un importante provvedimento” in tema “di pirateria informatica sui contenuti editoriali protetti da copyright“. Il dominio it.rojadirecta.eu e’ “uno dei principali siti che viola sistematicamente il copyright delle gare di Serie A e Champions League”.

Allo stesso tempo, i giudici hanno anche “vincolato l’azienda di tlc all’immediata rimozione di tutti i siti con nome Rojadirecta, indipendentemente dal paese in cui sono registrati”, fissando “una penale di 30 mila euro per ogni giorno di ritardo nell’attuazione del provvedimento”.

Roja Directa pide pagar 10 mila euros para levantar la prohibición de enlazar partidos.

Secondo Mediaset, la decisione del Tribunale di Milano, la prima di questo genere, “riveste una particolare rilevanza giurisprudenziale in tema di lotta alla pirateria“. La società, tra l’altro, “aveva già ottenuto dal Tribunale di Roma uno stop diretto al gestore del portale Rojadirecta e due ordini di sequestro del medesimo sito da parte della Procura della Repubblica di Milano”. E questo nuovo provvedimento “darà un impulso determinante ai fornitori di connettività nell’inasprire tutte le iniziative idonee a contrastare la pirateria sui contenuti a tutela di tutte le imprese editoriali italiane”.

Rojadirecta come Google, un indice di altri siti internet

Ancora una volta, quindi, l’eterna sfida di Rojadirecta contro il mondo del calcio si sposta in un tribunale. Dobbiamo dire che, a nostro parere, il provvedimento non regge. Rojadirecta e’ solamente un sito che, alla pari di Google, raccoglie un indice di altri siti all’interno dei quali viene trasmesso lo streaming illegale. E’ come se in Italia, ad esempio, bloccassero la televisione perche’ vi e’ un canale in chiaro che mostra immagini senza averne i diritti tv. Rojadirecta non mostra nulla in diretta streaming. Forse nel suo forum vengono mostrati alcuni video (caricati pero’ sui server di altri portali come YouTube – di Google – ad esempio o Dailymotion) come del resto avviene anche su Facebook o Twitter, altri colossi della categoria “intoccabili”.

È veramente colpa di Rojadirecta?

Sinceramente ci sembra una perdita di tempo quella di coinvolgere un tribunale e di denaro per lo Stato Italiano. Cambiando i dns del proprio computer infatti, l’eventuale filtro inserito dal provider viene by-passato senza problemi. Ma a prescindere da questo, la fonte attraverso il quale il video streaming viene trasmesso, non e’ Rojadirecta, bensì siti come ustream.tv, livestream.com, veetle.com o iguide.to tra i molti. Tra l’altro quando un utente clicca su uno dei link proposti dall’indice Rojadirecta, viene spesso reindirizzato sui portali Blogspot o Blogger che sono attualmente di proprieta’ di Google. È quì che si compie la violazione: viene attuata dagli utenti iscritti a Google e che hanno aperto un blog dove inseriscono l’iframe dei siti streaming, ad esempio, come quelli sopra menzionati.

Evidentemente pero’ nessuno si sogna di far chiudere Google… un’azione legale contro il colosso mondiale di internet e’ moooooolto piu’ costosa di quella attuata contro un pesce piccolo come Rojadirecta.

Chi ha fondato Rojadirecta?

Igor Seoane Miñán ha fondato Rojadirecta circa 10 anni fa, quando solamente aveva 21 anni. Figlio di un industriale spagnolo del settore tessile, ha cominciato molto giovane a diventare un esperto di web e server. Oggi, a 31 anni, dirige un sito (attraverso la società Puerto 80 Project) che riceve annulamente 100 milioni di visite e il cui valore si calcola essere oltre i 110 milioni di dollari, secondo varie stime.

Andrea PaolaCronacaTopDiritti TV,Fastweb,Rojadirecta,Streaming Calcio
Altro duro colpo al streaming calcio illegale in Italia, in particolare a Rojadirecta. Mediaset fa sapere in un anota che il Tribunale di Milano ha ordinato ad un importante fornitore italiano di connessione internet (sembra essere Fastweb) di bloccare a tutti i suoi clienti l'accesso al famoso sito internet...