Fabio Aru Re di Spagna, entrerà a Madrid con la maglia rossa.

Che il 12 settembre 2015 sia una data da ricordare per lo sport italiano non c’è ombra di dubbio. Oggi Fabio Aru ha praticamente vinto la Vuelta di Spagna. E con la finale Vince-Pennetta di tennis agli US Open di New York in programma alle 21, il quadro  completo (domani c’è pure la MotoGP con il Gran Premio di San Marino con Valentino Rossi leader del monadiale).

Ma torniamo al ciclismo. Il corridore sardo dell’Astana ha nuovamente conquistato la maglia rossa di leader al termine della ventesima tappa, corsa da San Lorenzo de El Escorial a Cercedilla per un totale di 175 Km. Domani Fabio Aru, nell’ultima tappa verso Madrid, potr contare su 1’17” di vantaggio in classifica sullo spagnolo Joaquin ‘Purito’ Rodriguez e 1’29” sul polacco Rafal Majka (Tinkoff-Saxo).

Oggi è crollato l’olandese Tom Dumoulin (Giant Alpecin) partito in maglia rossa e incalzato dagli attacchi dell’italiano. Ora si ritrova a 3’46”. La tappa è stata vinta dallo spagnolo Ruben Plaza Molina (Lampre-Merida) con 1’07” di vantaggio sul portoghese Josè Goncalves (Caja Rural-Seguros) e 1’08 sull’italiano Alessandro De Marchi (Bmc).

Domani ultima tappa per coronare Fabio Aru come Re di Spagna. Partenza da Halcalà de Henares e arrivo a Madrid dopo 98 km. Matteo Renzi è volato a New York per celebrare il tennis italiano, di ritorno potrebbe fare pure una scappatella a Madrid per abbracciare Fabio Aru, perchè è proprio il caso di dirlo: spettacolARU!

Queste le parole di Aru a fine tappa: ”Questa vittoria e’ dei miei compagni di squadra: non solo oggi ma per tutta la Vuelta sono stati eccezionali. Abbiamo inziato questa Vuelta con un po’ di problemi ma abbiamo dimostrato di essere un gruppo compatto, quando le cose vanno bene o male. Ci siamo motivati a vicenda e la nostra forza e’ stato il gruppo. Sono contento. Al di la’ dei risultati, il pubblico vuole vedere il massimo impegno. Quando vado bene o anche meno ci provo sempre, e’ molto importante far appassionare la gente a questo sport e voglio sempre lasciare un segno”.

Antonio VivesSportCiclismo,Fabio Aru,Vuelta Spagna
Che il 12 settembre 2015 sia una data da ricordare per lo sport italiano non c'è ombra di dubbio. Oggi Fabio Aru ha praticamente vinto la Vuelta di Spagna. E con la finale Vince-Pennetta di tennis agli US Open di New York in programma alle 21, il quadro  completo...