Spazio, quando tecnologia e religione diventano un "freno".

L’ipotesi di vita da ricercare su corpi celesti, distanti molti anni luce, al di là della nostra reale possibilità di raggiungerli, affascina gli appassionati di mistero ma anche i semplici curiosi di Astronomia, incluso la NASA.

E’ già tanto per una scienza come quella nostrana, in evoluzione ma tutt’or ancorata a limiti tecnologici, poter effettuare delle scoperte così frequentemente. Non bisogna dimenticare che ci troviamo in una realtà nella quale scienza e religione sono stati rappresentati dallo stesso ente fino a poco più di cento anni fa e che sono passati solo pochi secoli da quando Giordano Bruno pagò a caro prezzo l’aver parlato con troppa disinvoltura della possibilità di esistenza di altri mondi.

In realtà, ed è una teoria che si sta diffondendo, l’uomo non ha ancora trovato i veri confini delle sue scoperte, l’ignoto prevale nell’esplorazione dello Spazio profondo.

Andrea TosiScienzaTopAstronomia,NASA,Spazio,Ufo,UFO OVNI,Vita nello Spazio
L'ipotesi di vita da ricercare su corpi celesti, distanti molti anni luce, al di là della nostra reale possibilità di raggiungerli, affascina gli appassionati di mistero ma anche i semplici curiosi di Astronomia, incluso la NASA. E' già tanto per una scienza come quella nostrana, in evoluzione ma tutt'or ancorata...