Resti umani utilizzati per Crash Test Auto e Esperimenti Militari

I giornalisti francesi hanno potuto visionare un rapporto dell’Ispettorato delle scienze, l’IGAS, su un’indagine su uno dei più grandi centri anatomici d’Europa: il CDC. Quel centro è affiliato con l’Università di Paris-Descartes. Il rapporto afferma che il CDC ha venduto corpi donati alla scienza all’industria automobilistica per i crash test.

Sono stati pagati 900 euro per una salma, 400 euro per parti del corpo. Non si sa esattamente quanti corpi siano stati venduti. Ma il rapporto afferma che il 37 percento dei ricavi proviene da accordi con società industriali.

In Francia è consentito vendere le spoglie alle aziende, ma i donatori e le famiglie devono sempre essere informati prima. In questo caso, il parente più prossimo non sapeva nulla. Sebbene la vendita di corpi a società private non sia illegale in Francia, i parenti più prossimi sono stati truffati in un certo senso, afferma Axel Kahn, ex presidente dell’Università di Paris-Descartes.

Non solo l’industria automobilistica, ma anche i militari hanno usato i corpi per condurre esperimenti.

“Siamo obbligati a utilizzare i resti se vogliamo risultati di ricerca seri”, ha affermato Olivier Gagey, presidente del consiglio scientifico del Centro europeo per gli studi sulla sicurezza e l’analisi dei rischi.

“I soldati devono essere addestrati per gli shock gravi.
Cosa succede se la loro auto colpisce una mina?
Come puoi proteggere al meglio gli occupanti?”

Il CDC e l’Università di Paris-Descartes sono da tempo attenzionati. Nel 2019, nel CDC è apparso un rapporto scioccante sugli eventi, dopo il quale le autorità francesi hanno avviato un’indagine. Nel rapporto sono emersi tutti i tipi di illeciti. I corpi e le membra sembravano giacere ammucchiati. Il rapporto ha rivelato che “sembrava una fossa comune”. I topi camminavano sui resti e le celle frigorifere non potevano più essere chiuse a causa della ruggine.

Anche i laboratori non erano stati disinfettati “da almeno vent’anni”. Inoltre, secondo quanto riferito, la sicurezza non era ottimale. Chiunque poteva entrare e uscire liberamente. “Le parti del corpo sono state scambiate. I dipendenti hanno venduto parti del corpo ai chirurghi sabato mattina. Era tutto in vendita”, ha testimoniato l’ex direttore.

Inoltre, non tutti i corpi sono stati trasportati secondo le consuete procedure. Un rapporto afferma che i corpi sono stati collocati nel bagagliaio di un’auto. Inoltre, i dipendenti non erano sempre a conoscenza del background medico. A volte i corpi di pazienti affetti da HIV ed epatite finivano sul tavolo di dissezione senza che i ricercatori lo sapessero.

Diversi dipendenti del CDC avevano espresso il loro sgomento per le pratiche, ma dall’alto non è stata intrapresa alcuna azione. Uno degli amministratori ne aveva avuto abbastanza nel 2017 e si è dimesso. “Quando sono arrivato qui i topi correvano per i corridoi. I corpi sono stati mantenuti in condizioni deplorevoli”, ha detto. Sono oltre 170 gli esposti e le denunce presentate da parenti sull’operato del CDC.

Federica SantoniEsteriTopCrash Test,Francia,Scandalo auto
I giornalisti francesi hanno potuto visionare un rapporto dell'Ispettorato delle scienze, l'IGAS, su un'indagine su uno dei più grandi centri anatomici d'Europa: il CDC. Quel centro è affiliato con l'Università di Paris-Descartes. Il rapporto afferma che il CDC ha venduto corpi donati alla scienza all'industria automobilistica per i crash...