Proteste all'arrivo del Presidente di Colombia Ivan Duque a Londra.

Il presidente colombiano Ivan Duque è arrivato nel Regno Unito come parte di un’agenda di lavoro per l’Europa. Visita che è stata utilizzata da diverse organizzazioni della società civile britannica, irlandese e colombiana, per scendere nelle strade londinesi per protestare contro la posizione del capo di Stato colombiano attorno all’accordo di pace e, soprattutto, per chiedere una “battuta d’arresto” all’omicidio di leader sociali, difensori dei diritti umani ed ex combattenti delle Farc.

#DefendTheDefenders è la campagna di cui fanno parte queste organizzazioni e il loro obiettivo è far fronte alla situazione internazionale della grave situazione che leader e difensori dei diritti umani devono affrontare in Colombia.

Louise Winstanley, membro di ABColombia (agenzie britanniche e irlandesi che lavorano in Colombia), ha dichiarato: "Ci sono parti dell'accordo di pace che sono di grande interesse per la comunità internazionale".

Quasi un centinaio di parlamentari britannici hanno firmato un “Early Day Motion” per mostrare la loro preoccupazione al Parlamento del Regno Unito per le minacce e gli omicidi dei leader sociali in Colombia e per la determinazione del governo di Iván Duque a porre fine ai dialoghi di pace con la guerriglia dell’ELN.

“La violenza contro le popolazioni indigene, afro-colombiani e contadini nelle aree rurali è aumentata”, afferma la mozione britannica.

Federica SantoniEsteriTopColombia,Londra,Omicidio,Protesta
Il presidente colombiano Ivan Duque è arrivato nel Regno Unito come parte di un'agenda di lavoro per l'Europa. Visita che è stata utilizzata da diverse organizzazioni della società civile britannica, irlandese e colombiana, per scendere nelle strade londinesi per protestare contro la posizione del capo di Stato colombiano attorno...