Polizia olandese crea un Deepfake del ragazzo ucciso nel 2003

È probabile che molti abbiano sentito menzionare il termine deepfake senza sapere di cosa si tratta. Questo si riferisce a una tecnica all’interno dell’intelligenza artificiale che consente l’editing di materiale audiovisivo falso replicando l’immagine o la voce di una persona attraverso l’uso di algoritmi di apprendimento senza supervisione, nonché video o immagini.

Una volta terminato, il realismo del materiale finale è notevole. Gran parte dell’uso che è stato dato a questa tecnica è stato all’interno del campo artistico nella realizzazione di serie e film.

Tuttavia, è stato recentemente rivelato che la polizia di Rotterdam nei Paesi Bassi ha fatto ricorso all’uso del deepfake, con l’autorizzazione dei parenti, per creare un video che mostra Sedar Soares, un adolescente ucciso a colpi di arma da fuoco nel 2003 mentre stava giocando nella neve con i suoi amici nel parcheggio di una

stazione della metropolitana di questa città.

Nel video, il ragazzo chiede aiuto agli spettatori per risolvere la sua morte e trovare i responsabili di un atto così atroce. Inoltre, l’adolescente ricreato con deepfake ha chiesto aiuto ad altri che hanno subito la stessa sorte e il cui caso è ancora aperto. Finora, il materiale è il primo del suo genere.

La riproduzione del video mostra la superficie di un campo da calcio con Soares mostrato in prima persona che saluta la telecamera e poi raccoglie una palla.

Segue una musica soul in sottofondo mentre il ragazzo si fa strada attraverso una linea d’onore composta da familiari, amici e conoscenti, accompagnato da una voce con le seguenti parole:

“Qualcuno deve sapere chi ha ucciso il mio caro fratello. Ecco perché è tornato in vita in questo film. Ne sai di più? Parleremo”.

Dopo la pubblicazione del video, la portavoce della polizia di Rotterdam Lillian Van Duijvenbode ha affermato di aver ricevuto un gran numero di indizi, anche se questi devono ancora essere esaminati per determinare quanto sia utile il loro contributo nella risoluzione del caso Soares.

Per quanto riguarda l’omicidio del ragazzo, inizialmente si pensava che gli avessero sparato in risposta al lancio di palle di neve contro un’auto.

Nel corso del tempo è stato stabilito che il ragazzo era semplicemente coinvolto in una sfortunata situazione di trovarsi nel momento e nel posto sbagliati, con lo scontro tra bande che è la teoria che risuona di più in questo caso.

Federica SantoniEsteriTopDeepfake,Intelligenza artificiale,Olanda,Omicidio,Polizia olandese,Video incredibili
È probabile che molti abbiano sentito menzionare il termine deepfake senza sapere di cosa si tratta. Questo si riferisce a una tecnica all'interno dell'intelligenza artificiale che consente l'editing di materiale audiovisivo falso replicando l'immagine o la voce di una persona attraverso l'uso di algoritmi di apprendimento senza supervisione, nonché...