Orlando, la peggior strage di massa nella storia Usa

Un uomo armato ha fatto irruzione in un locale gay a Orlando, in Florida, negli Stati Uniti. Ha cominciato a sparare come un pazzo e poi si è barricato dentro al club tenendo in ostaggio diverse persone. In quel momento cerano 320 persone all’interno del locale. Subito le prime testimonianze su Twitter e Facebook, con le persone all’interno del locale che chiedevano aiuto. Sulla pagina Facebook del “Pulse Night Club” compare un messaggio: “Mettetevi in salvo e scappate”.

L’autore della strage di Orlando è un americano di origine afghane

Il bilancio della strage di Orlando è di 50 morti e 53 feriti, come affermato dalla polizia. Il killer, ucciso dalla polizia alle 5 del mattino, era armato di un fucile di assalto. Il suo nome sarebbe Omar Saddiqui Mateen del quale sono state diffuse varie foto. Nato il 1986, americano, originario della città Port St. Lucie, in Florida. Nato da genitori afghani, non sembra avere precedenti, ma gli investigatori adesso stanno investigando su “possibili rapporti con il terrorismo islamico”.

Il capo della polizia di Orlando, John Mina, ha dichiarato che il fucile d’assalto usato dal killer, Omar Mateen, è uguale a quelli usati nella strage alla scuola elementare Sandy Hook (26 morti) di Newtown e a San Bernardino (14 morti).

Le prime immagini diffuse da Orlando mostrano la gravità del folle gesto

Le prime immagini diffuse su YouTube rendono bene l’idea della gravità della situazione subito dopo la liberazione degli ostaggi dal nigh club. Feriti trasportati a braccio. Attenzione le immagini sono forti: video qui.

Non ci sono rivendicazioni ufficiali della strage, quindi non si pensa sia stato un attacco terroristico. Sta di fatto, però, che i jihadisti hanno celebrato sul web la sparatoria di Orlando come “il miglior regalo per il Ramadan”. Secondo quanto riferito da Site, sito di monitoraggio delle attività jihadiste in rete, i jihadisti stanno celebrando il killer con queste parole: “Possa Allah accogliere l’eroe che lo ha fatto e ispirare altri a fare lo stesso“. Tuttavia, riferisce la stessa Katz, non ci sono al momento rivendicazioni ufficiali della strage.

Valentina ContiEsteriTopNight Club,Orlando Florida,Pulse Club,Stati Uniti,Strage di massa,Strage di Orlando
Un uomo armato ha fatto irruzione in un locale gay a Orlando, in Florida, negli Stati Uniti. Ha cominciato a sparare come un pazzo e poi si è barricato dentro al club tenendo in ostaggio diverse persone. In quel momento cerano 320 persone all'interno del locale. Subito le prime...