OGM nel cioccolato Mars

Lasciamo perdere la notevole quantità di zuccheri che contiene la cioccolata Mars assieme ad altri discutibili ingredienti. Lo sapevate che il popolare Mars fa uso di OGM? Anche se attualmente negli USA l’etichettatura che specifica la presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti è volontaria, la Mars ha precisato di aver cambiato le etichette per mettersi in regola con una legge che entrerà in vigore il prossimo luglio in Vermont, e che richiederà la notificazione dei prodotti contenenti sostanze “ogm“. Lo ha fatto sia pure in caratteri piccolissimi sulle confezioni dei dolcetti.

E così i consumatori hanno scoperto che, senza saperlo e senza volerlo, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno consumato alimenti come gli M&M con le noccioline coperte di cioccolato, le barrette

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
Snickers, e altre caramelle e cioccolate prodotte dalla multinazionale Usa Mars che contengono Organismi geneticamente modificati.

La dicitura rivela semplicemente “contiene ogm”. Ad annunciarlo la stessa Mars, che va così ad aggiungersi a due altre grandi aziende alimentari Usa che hanno deciso di uscire allo scoperto sulla stessa questione. Nei mesi scorsi era stata la volta della “General Mills”, che produce tra i cereali più consumati negli Usa, e della Campbell, nota per le sue zuppe in barattolo: entrambe avevano fatto “outing” sulla presenza degli organismi geneticamente modificati.

La Mars, che ha promesso di rimuovere tutti i coloranti artificiali dai suoi prodotti, difende la sicurezza per la salute degli ogm: “crediamo fermamente che siano sostanze sicure, i cibi prodotti tramite biotecnologie sono stati studiati e giudicati sani da una serie di agenzie ed enti regolatori”.

Valentina ContiEsteriTopCioccolata,Cioccolato,Mars,OGM
Lasciamo perdere la notevole quantità di zuccheri che contiene la cioccolata Mars assieme ad altri discutibili ingredienti. Lo sapevate che il popolare Mars fa uso di OGM? Anche se attualmente negli USA l’etichettatura che specifica la presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti è volontaria, la Mars ha precisato...