E' morto Luca De Filippo, figlio di Eduardo

Luca De Filippo, che aveva interrotto da poco le repliche di “non ti pago“, è morto oggi pomeriggio nella sua casa romana. Aveva 67 anni (Roma, 3 giugno 1948 – Roma, 27 novembre 2015) ed era figlio di Eduardo, alla cui opera si era sempre dedicato. Sua madre l’attrice torinese Thea Prandi. Il 10 novembre 2015 era stato ricoverato in ospedale a Roma per una discopatia, una patologia a carico del disco intervertebrale, e gli viene diagnosticato un male incurabile.

Il debutto ufficiale avviene a vent’anni, ne “Il figlio di Pulcinella” di Eduardo (regia di Gennaro Magliulo), col nome di Luca Della Porta. Da questo momento inizia un’intensissima attività teatrale. Numerose sono anche le sue apparizioni cinematografiche e televisive.

Tra i suoi film ricordiamo: I giovani tigri (1967), Quel negozio di Piazza Navona (1969) – miniserie TV, Naso di cane (1985) – miniserie TV, Sabato, domenica e lunedì, regia di Lina Wertmüller (1990), Come te nessuno mai, regia di Gabriele Muccino (1999), Mannaggia alla miseria (2010), Venuto

al mondo, regia di Sergio Castellitto (2012), La stoffa dei sogni (2015).

Un minuto di silenzio in tutti i teatri italiani per il maestro del grande teatro napoletano. I funerali laici lunedì 30 novembre dalle 14 alle 18 al Teatro Argentina di Roma.

Vari personaggi dello spettacolo hanno commentato questa triste notizia.

Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: “Muore un grandissimo maestro del teatro contemporaneo, eccezionale interprete della più illustre tradizione teatrale napoletana”.

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini: “La scomparsa di Luca De Filippo ci priva di un grande interprete della scena italiana, autentico erede della tradizione napoletana capace di portare la sua verve non solo nel repertorio classico ma anche in quello contemporaneo conducendo una vita nel teatro, con il teatro, per il teatro. E’ stato un artista in grado di cimentarsi in diverse espressioni artistiche esplorando con efficacia anche i linguaggi cinematografici e televisivi”.

Renzo Arbore: “quando muore un artista figlio di artisti come Luca, c’è un grande dolore e si rimane senza parole”.

Luca Barbareschi: “un maestro che desidero omaggiare perché con lui se ne va non solo un amico ma anche un leale rappresentante del mondo teatrale, un esempio cristallino di cultura e tradizione, con lui si chiude un periodo, un’era culturale. Ma il suo impegno e il suo grande cuore resteranno sempre con noi”.

L’ex presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, posta su Facebook: “Un immenso dolore per la scomparsa di Luca De Filippo, figlio di Eduardo e di Napoli. Un bacio”.

Il premier Renzi su Twitter: “Un giorno triste per il teatro italiano e per Napoli. Addio Luca De Filippo, grande artista, degno erede di Eduardo”.

Nel seguente video, un omaggio all’artista: “Luca De Filippo recita ‘O mare“.

Andrea PaolaIntrattenimentoTopLuca De Filippo,Teatro
Luca De Filippo, che aveva interrotto da poco le repliche di 'non ti pago', è morto oggi pomeriggio nella sua casa romana. Aveva 67 anni (Roma, 3 giugno 1948 - Roma, 27 novembre 2015) ed era figlio di Eduardo, alla cui opera si era sempre dedicato. Sua madre l'attrice...