I migliori conti correnti per i giovani

Il conto corrente permette al titolare dello stesso di versare soldi in banca, avendo così la possibilità di disporre di denaro elettronico e di usufruire di altri strumenti finanziari. Con un conto corrente infatti è possibile, tra gli altri, effettuare e ricevere bonifici, fare acquisti online e farsi addebitare automaticamente bollette e altre spese. Ci sono diversi prodotti sul mercato, pensati per le varie esigenze e le varie realtà (famiglia, pensionati, aziende). Queste esigenze possono riguardare anche l’età del potenziale correntista.

Caratteristiche dei conti per i giovani: zero spese e presenza online

Per chi sta pensando di aprire un conto corrente e ha meno di trent’anni si hanno delle soluzioni specifiche. Non tutti, infatti, sanno che esistono conti pensati per i giovani che hanno la necessità di avere un conto corrente personale per gestire in autonomia le proprie finanze. Ci sono degli ottimi prodotti sul mercato: per individuarli e scegliere con serenità, si possono tenere a mente le caratteristiche che un buon conto deve avere. Prima di tutto, essere a zero spese. Quindi, si badi che non siano previsti costi né di apertura né di gestione.

Bisogna leggere attentamente i dettagli dell’offerta e controllare se sia previsto un canone e se il costo zero non sia valido solo per il primo anno.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
Per esempio, la N26 è una carta che non prevede costi di emissione o un canone annuale, stesso discorso per il conto Oval Pay.

Sempre in tema di spese, l’ideale è sottoscrivere un conto che consenta di prelevare gratuitamente negli AMT (almeno quello dell’istituto di credito con cui si è aperto il conto). È chiaro che queste sono considerazioni da valutare anche in base alle proprie specifiche esigenze. Per chi non preleva spesso, questo dettaglio del prodotto può essere meno importante.

Per coloro che vivono all’estero è importante controllare se sia previsto il prelievo gratuito anche al di fuori del territorio italiano. Alcune carte impostano una cifra massima che è possibile ritirare agli sportelli, come nel caso della Carta conto Yap o della Revolut. Bisogna pure dire che questi limiti talvolta sono molto alti: la Revolut fa ritirare fino a 3.000 euro al giorno e, di contro, non ha limite di spesa né di ricarica.

L’ultimo aspetto di ordine economico riguarda i bonifici online: se è possibile effettuarli senza il pagamento di una commissione, chiaramente, è meglio: il Crédit Agricole e il Widiba offrono bonifici online a 0 euro.

Oggi come oggi, la disponibilità di un servizio online è un valore aggiunto se non una vera e propria necessità. Poter gestire il proprio conto direttamente mediante i canali digitali è di sicuro una caratteristica importante, affinchè il prodotto possa imporsi con successo sul mercato, soprattutto se i destinatari sono gli under 30.

Quindi, il conto ideale deve essere presente online e deve avere un buon home banking: dei servizi minimi garantiti su internet. Si tratta anche di poter fare bonifici online. Importante è il discorso smartphone: un’app relativa al proprio conto corrente consente di poter essere autonomi nella cura del proprio c/c, in ogni luogo e in ogni momento.

Anche la possibilità di fare compere online non è un dettaglio da poco. I giovani, ormai, acquistano spesso su internet e sui siti di e-commerce e una carta di debito o una prepagata, sono particolarmente utili in tal senso.

Andrea PaolaEconomiaAcquisti online,Banca,Bonifico Bancario,Che scelta,Comprare online,Conti correnti,Denaro elettronico,Home Banking,Soldi,Tariffa Zero,Zero spese
Il conto corrente permette al titolare dello stesso di versare soldi in banca, avendo così la possibilità di disporre di denaro elettronico e di usufruire di altri strumenti finanziari. Con un conto corrente infatti è possibile, tra gli altri, effettuare e ricevere bonifici, fare acquisti online e farsi addebitare...