Il "massacro controllato" degli ulivi in Puglia

La Corte di giustizia dell’Unione europea ha stabilito, giovedì 9 giugno, che Bruxelles può obbligare gli Stati membri a rimuovere tutte le piante potenzialmente infettate dal batterio Xylella fastidiosa, anche nel caso in cui non siano presenti sintomi, se queste sono in prossimità di quelle malate. La misura, si legge nel comunicato, “è proporzionata all’obiettivo di protezione fitosanitaria” ed “è giustificata dal principio di precauzione”, sulla base di prove scientifiche”.

La decisione della Commissione risale al 2015 e prevede l’eliminazione della flora a rischio entro un raggio di 100 metri dal focolaio, senza che vi sia un indennizzo. Allora il tribunale amministrativo regionale per il Lazio aveva sospeso l’ordine di rimozione, impartito dal Servizio agricoltura Regione Puglia, delle piante situate in prossimità di ulivi infetti, interrogando l’organo a livello europeo.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, spera in un intervento immediato del Governo affinchè si eviti il compimento di uno scempio preannunciato che potrebbe depturpare irrimediabilmente il nostro territorio ma che certamente è evitabile.

Federica SantoniCronacaTopBatterio,Puglia,Ulivi,Xylella
La Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito, giovedì 9 giugno, che Bruxelles può obbligare gli Stati membri a rimuovere tutte le piante potenzialmente infettate dal batterio Xylella fastidiosa, anche nel caso in cui non siano presenti sintomi, se queste sono in prossimità di quelle malate. La misura, si...